Blitz dei Nas in supermercati e alimentari, due chiusure e sequestri

Nel Chietino e nell'Aquilano: trovate blatte morte e sciami di mosche. Sigilli per 6 tonnellate di prodotti
01 ottobre 2016
Pescara - Pescara

PESCARA - Attività di due strutture commerciali sospese, nelle province di Chieti e L'Aquila, e sequestro di oltre sei tonnellate di alimenti, pronti per la vendita, nell'ambito di controlli che i Carabinieri del Nas di Pescara, coordinati dal maggiore Domenico Candelli, hanno svolto nei principali supermercati e nelle aziende produttrici di conserve alimentari della regione.

In un caso, nel Chietino, è stata sospesa l'attività di un deposito di generi alimentari a servizio di un discount: sul pavimento tappeti di blatte morte e sciami di mosche vive che hanno indotto i militari - che hanno lavorato in collaborazione con la Asl - a sottoporre a vincolo tutti gli alimenti e le attrezzature. Nel magazzino, di circa 200 metri quadri, erano stoccati circa 5 tonnellate di alimenti che sarebbero stati commercializzati dal discount e finiti sulle tavole degli italiani. Ora attività interdetta in attesa del ripristino delle condizioni igienico-sanitarie. Il responsabile è stato deferito all'Autorità Giudiziaria, per detenzione di alimenti in cattivo
stato di conservazione. Nell'Aquilano, invece, i Carabinieri hanno sequestrato penalmente un intero supermercato, in un comune della piana del Fucino, i cui locali erano invasi da escrementi di topi, carcasse di insetti e blatte vive, oltre che strutturalmente fatiscenti. Escrementi di roditore anche nei contenitori degli alimenti venduti sfusi. Anche in questo caso, dopo il sequestro, il titolare è stato denunciato per detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione ed insudiciati. Sempre in provincia di Chieti, i militari hanno sequestrato circa 50 chilogrammi di alimenti, tra conserve alimentari e prodotti da forno, poiché carenti delle informazioni utili a poterne ricostruire la rintracciabilità ed etichettati in assenza di indicazioni circa la presenza di allergeni, quindi potenzialmente rischiosi per la salute dei consumatori.

Nel complesso, sono state elevate sanzioni amministrative per oltre 20.000 euro mentre il valore delle due strutture di cui è stata disposta la sospensione dell'attività è di 2 milioni di euro. Due persone sono segnalate all'Autorità Giudiziaria per reati contro la salute pubblica e altre otto persone sono state segnalate all'Autorità Sanitaria ed Amministrativa.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle Comunicazione Snc da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
  • anna
    Scritto il 02 ottobre 2016 alle ore 17:01:00

    Vero...controllate i ristoranti dei prati di tivo.

  • mario
    Scritto il 01 ottobre 2016 alle ore 18:02:00

    Se vanno a controllare gli alberghi della montagna rimangono sconcertati!

 
ULTIMI COMMENTI
Loading...
ISCRIZIONE NEWSLETTER »
Iscriviti alla Newsletter per avere tutte le notizie del giorno nella tua email