Del Turco, vittoria a metà in Cassazione. I pm pescaresi: «Sancite la tangenti, ne prese 800mila»

Confermata tutte le accuse tranne la condanna per l'associazione a delinquere, deve essere ricalcolata dalla corte di Perugia
03 dicembre 2016
Pescara - Pescara

ROMA - Vittoria a metà, in Cassazione, per la difesa dell'ex presidente della Regione Abruzzo, Ottaviano Del Turco: la Suprema Corte ha infatti annullato con rinvio la condanna d'appello in relazione all'accusa di associazione a delinquere, ma confermato le altre imputazioni relative alle pressioni che sarebbero state fatte sull'imprenditore della sanità, Vincenzo Angelini per ottenere denaro. Denaro tuttavia, del quale non é mai stata rinvenuta traccia sui conti di Del Turco né degli altri 8 imputati. «La montagna di prove che doveva schiacciarmi, si è dimostrata per quello che era: una montagna di fango - ha commentato l'ex governatore».

Ma i magistrati che hanno sostenuto l'accusa specificano che «la Cassazione ha confermato definitivamente il reato di corruzione, che era il cuore dell'inchiesta». «Il passaggio di denaro c'è stato, e questo conferma la correttezza del processo - ha detto l'ex procuratore capo di Pescara, Nicola Trifuoggi: «L'ex capo della Procura esulta per la sentenza della Cassazione. In fondo, lo apprezzo: sapersi accontentare di poco è una virtù», ribatte il legale di Del Turco, Giandomenico Caiazza.

Ora, dopo la pronuncia della Suprema Corte, gli atti verranno inviati alla Corte di appello di Perugia. Ma la prescrizione maturerà prima della fine del prossimo anno. I magistrati umbri devono rideterminare il trattamento sanzionatorio per Del Turco e per altri imputati tra i quali l'ex assessore abruzzese alla
sanità, Gabriele Mazzocca, e altri funzionari e componenti della vecchia giunta di centrosinistra, caduta sotto i colpi di questa inchiesta. Un'inchiesta che durante il processo ha molto circoscritto la sua portata: inizialmente le condanne erano state inflitte per 6,2 milioni di euro di presunte mazzette; in appello il giro di denaro si era ridotto a 800 mila euro. In aula, davanti ai giudici della sesta sezione penale della Cassazione, era presente anche Del Turco che ha seguito tutto il dibattimento. Il suo avvocato e le difese degli altri imputati, hanno sottolineato come le accuse siano state mosse da un 'bancarottiere seriale', condannato a più di 20 anni di reclusione per una distrazione di fondi pari a 105 milioni di euro".

«Spero che questo incubo termini e che a Del Turco sia restituita piena dignità: è un galantuomo che non ha mai preso nemmeno un euro di tangenti - ha sottolineato Caiazza nella sua arringa». La condanna per associazione a delinquere é stata annullata con rinvio anche nei confronti di Camillo Cesarone, ex consigliere regionale, e Lamberto Quarta, ex segretario della presidenza della Giunta. Dichiarato inammissibile il ricorso dell'ex dirigente della sanità, Pierluigi Cosenza, contro la prescrizione. Annullate senza rinvio le condanne per gli ex assessori Ennio Marcello Boschetti e Bernardo Mazzocca e l'ex
direttore generale della Asl di Chieti, Luigi Conga per via della prescrizione. Per gli altri capi di imputazione invece, le posizioni di Conga e Mazzocca dovranno essere rivalutate dalla Corte di Appello di Perugia per la rideterminazione delle pene. Annullate le condanne al risarcimento delle parti civili a carico di Sabatino Aracu, ex parlamentare di Fi, e rigettato il ricorso di Angelo Bucciarelli, collaboratore di Mazzocca.

E' in sostanza da riscrivere la sentenza d'appello emessa dalla Corte d'Appello dell'Aquila il 20 novembre 2015. Rimane aperta tutta la questione inerente i risarcimenti per le parti civili: Regione Abruzzo, varie Asl e cliniche private

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle Comunicazione Snc da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
 

ULTIMI COMMENTI
Loading...
ISCRIZIONE NEWSLETTER »
Iscriviti alla Newsletter per avere tutte le notizie del giorno nella tua email