Per la morte di padre e figlio nella tempesta di neve nessun colpevole: la procura chiede l'archiviazione

La tragedia a Poggio Umbricchio il 18 gennaio in piena crisi maltempo. Claudio e Mattia Marinelli erano usciti per cercare benzina per il generatore ma morirono assiderati nella bufera
16 maggio 2017
Teramo - Crognaleto

TERAMO - Padre e figlio morirno assiderati, nella tormenta di neve che li sorprese lungo la provinciale che scendeva a valle da Crognaleto, e che era la prima avvisaglia di quella "tempesta perfetta" che a gennaio ha messo in ginocchio il Teramano. Erano usciti a cercare benzina per il gruppo elettrogeno con cui alimentare l'abitazione, durante il black out elettrico, ma anche viveri e medicine, Mattia Marinelli, 22 anni (in una foto del 2014) e il padre Claudio, 56 anni, assieme ad un altro figlio: soltanto quest'ultimo riuscì a guadagnare la strada di casa, salvandosi. Padre e fratello no. Assiderati a Poggio Umbricchio, a poche centinaia  di metri l'uno dall'altro, nel disperato tentativo di trovare rifugio a casa.

Quelle due morti per la Procura non hanno colpevoli, fu soltanto una tragica fatalità. Oggi, infatti, il pm che aveva aperto un fascicolo contro ignoti, Davide Rosati, a distanza di quattro mesi dall'avvio dell'inchiesta, chiede l'archiviazione. Nel corso delle indagini, infatti, non sarebbero emerse responsabilità per il duplice decesso con l'inchiesta che ha dunque stabilito come si sia trattato di un incidente.

La tragedia si era consumata il 18 gennaio, quando nel tardo pomeriggio i familiari di Claudio e Mattia, non vedendoli rientrare, avevano dato l'allarme. Secondo quanto ricostruito all'epoca i due, insieme al fratello di Mattia, erano usciti in auto per cercare della benzina per il generatore utilizzato per riscaldare la casa, ma durante il ritorno verso casa l'auto si era fermata e così i tre avevano deciso di proseguire a piedi. Ma durante il tragitto il padre e il figlio più piccolo erano rimasti indietro ed erano stati sorpresi dalla bufera. I loro corpi, ormai senza vita, furono ritrovati il giorno dopo, a pochi metri di distanza l'uno dall'altro.

Sulla vicenda i famigliari avevano accusato le istituzioni di aver sottovalutato l'allarme, quando dapprima erano stti richiesti interventi per aiutare la famiglia, poi quando i due erano irrintracciabili e la telefonata per dare l'allarme non era stata seguita da attività immediate e urgenti per rintracciare i due dispersi, con le prime squadre giunte in zona soltanto in serata. Qualche giorno prima della tragedia Mattia, sul suo profilo Fb, aveva postato la frase, rivolta alle istituzioni, "Dove siete quando servite?".

Proprio nei giorni scorsi Mattia avrebbe compiuto 23 anni e nella sua bacheca di Facebook, il fratello Ivan nel fargli gli auguri di buon compleanno, gli rinnovava un impegno: «Nel giorno del tuo compleanno non posso regalarti molto tranne una promessa:- io sono qui e non smetterò mai fino a quando avrò un ultimo fiato di lottare qualcuno pagherà te lo prometto. A presto piccolo grande uomo ti voglio bene mi manchi.... Ivan»

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle Comunicazione Snc da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
  • roby
    Scritto il 17 maggio 2017 alle ore 10:26:00

    Archiviamo ogni cosa in questa provincia la magistratura non ha mai avuto un ruolo incisivo qui a teramo

  • Fausto
    Scritto il 17 maggio 2017 alle ore 09:43:00

    Fatalità è una sentenza liberatoria. Il piano neve non ha funzionato in nessun posto. Strade bloccate per una settimana. Il sindaco di Crognaleto non ha precettato proprietari di ruspe e quant'altro . I carabinieri bloccati a nerito. Solo la coscienza di ognuno di noi possa giudicare

  • Anonimo
    Scritto il 16 maggio 2017 alle ore 22:03:00

    Se la provincia avesse pulito le strade, tutto ciò non sarebbe successo!!! Altro che incidente...

 

ULTIMI COMMENTI
Loading...
ISCRIZIONE NEWSLETTER »
Iscriviti alla Newsletter per avere tutte le notizie del giorno nella tua email