Il presidente dell'Inps a UniTe: «Diritti a chi ha versato i contributi e ai giovani»

Tito Boeri ha tenuto una lectio magistralis in aula magna per parlare di futuro del lavoro: «Dal jobs act più contratti a tempo indeterminato»
07 ottobre 2016
Teramo - Teramo

Galleria fotografica

Clicca sulle foto per ingrandire

TERAMO - Una lectio magistralis sul lavoro e il futuro delle nuove generazioni, su cosa troveranno questi studenti di oggi e non solo sul fronte pensioni. Chi più di lui, docente di diritto del lavoro, economista e soprattutto presidente dell'Inps, poteva spiegarlo meglio e suggerire la strada giusta? Tito Boeri ha intrattenuto la platea dell'UniTe, in quella università che fa registrare una 'occupabilità' post-laurea di quasi il 90 per cento, come ha sottolineato il rettore Luciano D'Amico che assieme a Francesco Passarelli, docente di economia dell'ateneo teramano, ha invitato il numero uno di Inps. «Difendere il sistema contributivo e dare grande attenzione ai giovani», è stato il suo messaggio chiaro e forte.

«Oggi - ha detto Boeri - bisogna dare la nostra massima attenzione ai giovani e a quelle persone che sono nel regime contributivo: io personalmente ritengo che bisogna strenuamente difendere il principio contributivo. Quello che uno si è costruito versando i contributi va tutelato in ogni modo. Questa è la mia nozione vera dei diritti acquisiti, il fatto di aver versato ti dà dei diritti che vanno comunque salvaguardati». Boeri si è confrontato con gli studenti in aula magna sui temi del lavoro - in un ateneo che vanta una collaudata attività di placement -, introducendo anche i temi del jobs act, di cui il presidente Inps ha sottolineato li risultati importanti «nello stabilizzare l'impiego, con un forte aumento dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato».

«Mi auguro - ha detto Boeri - che questo si traduca al più presto in un aumento della produttività, perché questo tipo di contratti determinano un incentivo maggiore sia sul lavoratore che sul datore di lavoro a investire sulla formazione sul posto di lavoro; da questo in futuro potrebbe derivare una produttività più alta e salari più alti». Sul fronte della precarietà, Boeri ne ha confermato i numeri ancora molto alti, ma ha commentato con positività i dati sul parasubordinato resi noti dall'Inps proprio ieri, che fanno coincidere «una diminuzione dei contratti a progetto e delle collaborazioni con l'inizio dei contratti a tutele crescenti, quindi probabilmente c'è stata trasformazione di queste figure contrattuali in contratti a tempo indeterminato.

Boeri ha parlato poi anche di riforma dell'Istituto nazionale della previdenza sociale e ha sgombrato il campo dai dubbi su una non condivisione dell'Ape, il cosiddetto anticipo pensionistico: «La riforma dell'Inps è fondamentale: c'è bisogno di avere una macchina efficiente. Uno dei cardini di quelle riforma è rafforzare la nostra presenza sul territorio, darci la possibilità di rispondere alle esigenze mutevoli degli utenti; l'Ape è una operazione assolutamente nuova, pone l'Inps a svolgere delle funzioni che non ha mai fatto in passato: non è concepibile un'Inps che deve svolgere queste nuove funzioni senza riorganizzarsi».

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle Comunicazione Snc da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
 
ULTIMI COMMENTI
Loading...
ISCRIZIONE NEWSLETTER »
Iscriviti alla Newsletter per avere tutte le notizie del giorno nella tua email