Università, un milione di euro al progetto Hives

L'Ateneo teramano capofila di un lavoro europeo per lo sviluppo della ricerca sulle due sponde dell'Adriatico
16 giugno 2016
Teramo - Teramo

TERAMO - L’Università degli Studi di Teramo ha vinto il progetto High-Level Innovation for a Value-Driven Exploitation (HIVES) di cui è capofila, finanziato per un milione di euro nell’ambito del Programma europeo di cooperazione transfrontaliera IPA Adriatico. Scopo del progetto è quello di affrontare in maniera sistematica le tematiche della cooperazione economica, sociale e istituzionale per il supporto finanziario alle Piccole e Medie Imprese innovative, sulla base dei risultati e delle buone pratiche di altri progetti europei.

In particolare, il progetto si propone di costituire un innovativo hub transfrontaliero per facilitare la cooperazione nell’area Ionico-Adriatica e consolidare un network della ricerca e degli attori istituzionali, per stimolare l’integrazione delle iniziative comunitarie. Al progetto HIVES partecipano dieci partners di cinque Paesi dell’area adriatica che sono Italia, Albania, Bosnia-Herzegovina, Croazia e Montenegro (Università degli Studi di Teramo; Regione Marche; Università Politecnica delle Marche; Consorzio Punto Europa Teramo; Association for Economic Development Redah; Camera di Commercio di Chieti; IDA Istra Development Agency; Facoltà di Information Systems and Technologies dell’Università di Donja Gorica; Camera di Commercio di Tirana; Zadar County Development Agency Zadra Nova).

«È un progetto strategico per l’Ateneo ‒ ha dichiarato il coordinatore scientifico Christian Corsi ‒ poiché pone in rilievo l’importanza di progetti congiunti tra i Paesi adriatici per favorire attivamente la creazione di clusters ad alto contenuto tecnologico, incubatori di idee e piattaforme collaborative, supportando la creazione di start-up innovative nei settori prioritari della strategia macro-regionale adriatico-ionica EU Strategy for the Adriatic and Ionian Region (EUSAIR), tra cui: mobilità marittima, biosicurezza e biotecnologie, efficienza energetica e sviluppo di fonti energetiche alternative».

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle Comunicazione Snc da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
 

Loading...
ISCRIZIONE NEWSLETTER »
Iscriviti alla Newsletter per avere tutte le notizie del giorno nella tua email