Campitelli esonera Nofri, torna Zauli: «Non ho rivendicazioni, salviamo il Teramo» VIDEO

La società richiama il tecnico che aveva esonerato dopo un mese di campionato: «Io credo in questa squadra ma non rifarei l'errore di cambiare modulo»
09 dicembre 2016
Teramo - Teramo

TERAMO - Il Teramo calcio ha esonerato il tecnco Federico Nofri. Al suo posto ha richiamato il tecnico  Lamberto Zauli, esonerato tre mesi fa. Il colpo di scena è arrivato nella tarda serata di ieri dopo una riunione in società in cui si è valutata la difficile posizione di classifica al'indomani della sconfitta interna contro la Maceratese. Oggi il 'vecchio' allenatore ha parlato alla stampa al Bonolis.

(jacopodifrancesco) Dov'eravamo rimasti? Il Teramo raccoglie un punto - per varie ragioni - nelle prime quattro giornate, via Lamberto Zauli dentro Federico Nofri. L'allenatore umbro, con la carica che lo contraddistingue, sembra ridare vigore a una squadra spaventata. Ma come abbiamo scritto più volte, i fantasmi continuavano a farsi vivi, e le sconfitte interne contro Mantova e Maceratese inducono il presidente Campitelli a fare un difficile e curioso passo indietro: di concerto con Alec Bolla, si torna a dare fiducia a Zauli. Il suo compito più difficile sarà fare chiarezza nello spogliatoio riguardo ad una situazione che chiara non è.

«Ringrazio la società, da parte mia non avete mai sentito una parola dopo l'esonero - ha esordito Zauli - qui c'è bisogno di gente che sogna, io vivevo il calcio così, lottando per essere protagonista: nessuno me lo chiedeva, mi veniva da dentro. Non penso al mercato, credo che la squadra stia rendendo meno di quel che può. In estate - ha spiegato - l'abbiamo costruita io, il presidente e il ds Lupo: capisco la delusione, questa è una piazza importante».

Andando più nel tattico, si è espresso così: «Eravamo partiti per giocare col 4-3-1-2, poi infortuni ed episodi ci hanno condannato, basta pensare al rigore dato al Modena. Ho cambiato varie soluzioni, ma non era quello il problema». Poi gli è stato chiesto quale errore ha rimpianto nel suo mese a inizio campionato: «Dopo Lumezzane ho fatto cadere il mio castello, ho dato troppo peso alle necessità dei giocatori: non lo rifarei, ma ora penso solo a Parma».

Ha parlato anche il ds Bolla, anche lui artefice di questa scelta: «Bisogna lavorare sull'aspetto mentale, ed è difficilissimo: mister Zauli conosce bene quest'aspetto e conosce i giocatori. Dopo la partita - ha proseguito - non volevamo creare allarmismi, e a mente lucida abbiamo deciso che era meglio fare un taglio netto. La situazione è tremenda, ma ci vuole tranquillità: vedremo come muoverci sul mercato, qualche idea l'abbiamo».

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle Comunicazione Snc da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
  • roberto bolla
    Scritto il 10 dicembre 2016 alle ore 11:39:00

    Caro nipote Alex , seguo da vicino la tua nuova esperinza , auguro a te a alla societa' Teramo di uscire al piu' presto dalla zona bassa della classifica, so che con la tua grinta e professionalita' ci riuscirai, un grosso in boca al lupo. Roberto

  • Pepone
    Scritto il 10 dicembre 2016 alle ore 07:51:00

    E' un delirio programmato, andate via tutti, sempre e' solo forza Teramo e forza curva est

 

ULTIMI COMMENTI
Loading...
ISCRIZIONE NEWSLETTER »
Iscriviti alla Newsletter per avere tutte le notizie del giorno nella tua email