Falciata e uccisa da due auto, una non si ferma

GUARDIAVOMANO E' stata travolta da due macchine e il conducente di una delle due non si è fermato per soccorrerla. E' successo ieri sera, lungo la statale 150 MontorioRoseto, nei pressi di Guardiavomano. La vittima aveva 67 anni ed era di Guadiavomano. Stava attraversando la strada nei pressi di casa quando è stata falciata da una Lancia Y che procedeva in direzione di Castelnuovo. L'impatto è stato molto violento e il corpo della donna è stato sbalzato sulla corsia opposta dove sopraggiungeva un'altra macchina che ha investito la poveretta una seconda volta, trascinando il corpo ad alcune decine di metri più giù in direzione di Roseto. Nella concitazione di questi drammatici momenti, sotto gli occhi di altri automobilisti, mentre il conducente della prima auto è sceso e nonostante fosse in comprensibile stato confusionale, e ha cercato di prestare soccorso al pedone, l'altro automobilista investitore ha fatto perdere le proprie tracce. Stando alle prime testimonianze raccolte dagli agenti della polizia stradale di Teramo sarebbe da escludere che il conducente dell'auto pirata non si sia accorto dell'urto con il corpo della donna. Mentre i primi soccorritori e poi il personale del 118 cercavano di prestare aiuto, ma inutilmente, a Maria Parmigiani, scattavano le ricerche della macchina in tutta la provincia, vane anche queste fino a tarda notte. Purtroppo, come detto, per l'anziana donna non c'è stato nulla da fare: perchè se anche il primo impatto fosse stato meno grave per le conseguenze fisiche, il secondo non le avrebbe dato scampo. Infatti i danni interni e le numerose fratture sono state fatali per la povera donna. Il traffico lungo la statale e soprattutto nei pressi dell'incidente, verificatosi all'incrocio di contrada Silvetta tra l'altro poco illuminato e in un tratto rettilineo che 'invita' alla velocità , è stato fortemente rallentato per permettere i rilievi di rito e la composizione dei poveri resti della donna, la cui salma è stata trasferita all'obitorio dell'ospedale di Teramo

Leave a Comment