Liberati due anziani prigionieri in casa da giugno

ROSETO Due anziani coniugi (85 anni lei, 92 lui), sono stati liberati dai Carabinieri di Giulianova e dai Vigili urbani di Roseto in collaborazione con i Vigili del fuoco di Teramo dalla loro abitazione di Cologna Spiaggia: erano segregati almeno dal giugno scorso. Il figlio della coppia, che abita in un altra casa, un operaio di 42 anni sempre di Roseto, è stato arrestato con l'accusa di sequestro di persona continuato e abbandono di persone incapaci. Agli uomini delle forze dell'ordine, al momento della liberazione di moglie e marito, è apparsa una scena dolorosa: i due hanno vissuto per almeno 8 mesi in condizioni igieniche e fisiche che sono state definite 'pietose', come lo è la loro condizione di profonda prostrazione. Chiusi a chiave dall'esterno, con il citofono rotto, per loro c'era un telefonino ma solo per comunicare con l'esterno, ma era abilitato solo a ricevere. Vivevano tra cumuli di immondizie, escrementi e pannoloni, senza traccia di alimenti o medicinali. L'uomo, il più anziano, era a letto per una recente forma di ictus, la moglie vagava in stato confusionale per la casa. Sono stati entrambi ricoverati al reparto di geriatria dell'ospedale di Giulianova, dove sono sotto osservazione: i due sfortunati anziani sono stati definitii in stato di 'abbandono fisico e marasma senile'. I motivi del terribile gesto del figlio va forse ricercato in un disturbo psichico. E' stato rintracciato a diversi chilometri dall'abitazione dei genitori, a Casal Thaulero, nell'abitazione di una donna. Dovrà spiegare al gip, nell'interrogatorio, perchè lo ha fatto e soprattutto perchè aveva in casa un paio di manette.

Leave a Comment