Teramo, Fiorucci non si tocca

AVELLINO Il Teramo non vince in trasferta dal 17 settembre e la gestione Fiorucci, che ha debuttato in panchina dalla prima di ritorno, ha portato ai biancorossi appena due punti in cinque partite. Ma ancha dal Partenio, dai corridoi degli spogliatori, la conferma: il tecnico resta al suo posto, come a dire che un ritorno di Gabetta non è nei piani della società di via Delfico. Contro la squadra di Galderisi, il Teramo ha impostato una partita esclusivamente di contenimento, ha resistito in dieci per quasi tutto il secondo tempo ma è stato punito nel finale dopo aver sbagliato almeno quattro occasioni per andare in vantaggio. Il 'chi sbaglia paga' non va giù al direttore sportivo biancorosso Cesaroni: “Non perdere qui ad Avellino sarebbe stato importante per la classifica ma anche per il morale, della squadra e dellasocietà ha detto a caldo in una intervista telefonica a Luigi Aurelio Pomante per Radio Delta Uno . Certo, è vero che se avessimo sbagliato di meno forse il risultato sarebbe stato diverso, non puoi recriminare sul rigore finale: ho parlato con Maury e mi ha detto di essere entrato in scivolata senza fare fallo ma è normale che al 43' ad Avellino l'arbitro fischia il rigore. Siamo però tranquilli, non credo i dobbiamo preoccupare'.  

Leave a Comment