Teramo, la luna e tu

TERAMO Visto che luna? Telescopi puntati, cannocchiali amatoriali o semplicemente occhio nudo e naso all'insù: in moltissimi hanno assistito la notte tra Sabato e Domenica, tra le 23, 30 e le 02, 30, all'eclissi totale di luna da ogni parte d'Italia e d'Europa. In moltissimi anche a Teramo hanno assistito allo spettacolo dall'Osservatorio di Collurania nel quale gli astronomi hanno regalato una “puntata” (nel senso dell'osservazione) speciale della luna rossa sul maxi schermo posizionato all'esterno dell'edificio e collegato al telescopio. Da quando esiste, l'uomo ha sempre guardato con stupore, interesse e forse timore al'astro che illumina le sue notti ed i suoi sogni. Tralasciando la mitologia, che indicò nella luna Selene, la bella dea dalle braccia bianche, con lunghe ali, ornata da un diadema d'oro che, innamoratasi di Endimiòne giovane pastore della Carnia, scendeva dal cielo ogni notte per baciarlo, la vita dell'uomo è inconsapevolmente dominata da essa: già Omero ed Esiodo raccontano del suo influsso che conturbava i sensi e che propiziava i pensieri malinconici, mentre i Romani le avevano dedicato un santuario sul Palatino. La letteratura è piena di pagine dedicate alla luna; innumerevoli sono le poesie da essa ispirate; altissime le sensazioni, le suggestioni; canzoni e canzonette hanno intere strofe dedicate alla luna…insomma il fascino dell'astro sul quale Neil Armstrong fece “un passo piccolo per un uomo ma immenso per l'umanità” continua ad essere immutato e a suggestionare bambini, giovani, adulti, anziani. Cos_ è stato, appunto, sabato notte; e cos_ è accaduto a Teramo, grazie anche all'iniziativa _ forse non pubblicizzata abbastanza però _ di Collurania. Uno spettacolo in più, è stato poi vedere quanto quell'istituzione forse percepita con distacco dai teramani (fatto salvo il comprensibile vanto di possederla) sia stata capace di coinvolgere e di regalare una opportunità per certi versi insospettabile. Insomma, diciamola tutta, chi si è arrampicato fino alla Specola, ha trascorso un insolito sabato sera dapprima a cercare un angolo per la propria auto, poi a far la fila per entrare nell'osservatorio, poi ad ascoltare gli esperti che spiegavano cosa accadeva, quindi a rientrare passeggiando con piacere nello splendido viale della struttura…una magica atmosfera: il clima mite, la luna ed i pensieri più nascosti, anche perché, con questi chiari di luna non ci resta che sognare!(nella foto una fase dell'eclissi fotografata da piazza Martiri a Teramo)

Leave a Comment