Screening tumore dell'utero: il progetto Asl è ottimo

TERAMO Un successo che ha fatto meritare il riconoscimento dell'eccellenza, come azienda sanitaria capofila in abruzzo, alla Asl di Teramo: è quello ottenuto dal progetto obiettivo di screening citologico del cervicocarcinoma (il tumore del collo dell'utero, che rappresenta la prima causa di morte nelle donne tra 35 e 45 anni di età), il cui coordinatore regionale è il dottor Claudio Angeloni, direttore dell'unità operativa di ostetricia e ginecologia dell'ospedale San Liberatore di Atri). Un successo che coinvolge anche Emmelle Comunicazione, che ha progettato e realizzato il piano di comunicazione del progetto. La valutazione è dell'Istituto Oncologico Veneto, che fa parte dell'Osservatorio Nazionale Screening, al quale il Ministero della Salute ha affidato il compito delle verifiche sulle attività svolte per la realizzazione dei progetti obiettivi, valutazione che è stata effettuata su tutti quelli avviati sul territorio nazionale. Nel giudizio si legge: «Tutte le attività previste dal cronoprogramma definito nel 2005 sono state completate. Merita sottolineare l'investimento profuso dalla Regione Abruzzo in favore di questo screening, l'eccellenza dell'Asl capofila e del Coordinatore Regionale (il dottor Claudio Angeloni, direttore del reparto di ostetricia e ginecologia dell'ospedale di Atri, ndr), delle soluzioni e delle tecnologie adottate. Sarà interessante verificare l'impatto di questi elementi di eccellenza sugli indicatori regionali di estensione e di qualità. Le soluzioni innovative impiegate, in caso di successo, potrebbero essere diffuse a livello nazionale. Giudizio: ottimo”. E' bene ricordare che in questo settore della prevenzione, la Regione Abruzzo è stata invitata a partecipare a tre programmi di ricerca sulla prevalenza dell'HPV (Papilloma virus), infezione sessualmente trasmessa, e sulla relativa vaccinazione per la valutazione del vaccino sui programmi di screening. Partners d'eccellenza dell'iniziativa sono l'Istituto Superiore di Sanità, il centro per la prevenzione oncologica di Torino e l'ARSA del Lazio. L'Abruzzo partecipa con tre aziende Asl su dodici, tra le quali quella di Teramo. «Il direttore generale della Asl di Teramo si legga in una nota della Asl di Teramo Mario Molinari, esprime profonda soddisfazione per il successo del progetto di screening del cervicocarcinoma e ringrazia tutti gli operatori coinvolti, al cui impegno si devono i brillanti risultati conseguiti, ed in particolare il Coordinatore Regionale Claudio Angeloni».

Leave a Comment