Siviglia Wear, vittoria del cuore

TERAMO La Siviglia Wear vince una partita tutta agonismo e strappa l'applauso del Palaska assieme a una Whirlpool Varese che ha dimostrato di valere ben oltre l'attuale quinta piazza della classifica. Bel match, condito da tanti errori nei due quarti iniziali ma ricco di suspence nell'ultimo periodo. Dopo il sostanziale equilibrio dell'avvio, l'incontro vive il primo sussulto per mano di Varese che tira la volata a inizio ripresa, quando il distacco degli ospiti diventa in doppia cifra (3445) con il canestro del solito Keys al 25'. La reazione di Teramo si fa sentire, guidata da Poeta e Woodward: i loro 12 punti, con il passaggio fondamentale di Martinez sotto le plamce, nello spazio di un quarto annullano il gap e addirittura issano Teramo, al primo vantaggio (5350) in finale di tempo. L'ultimo periodo ha giustificato il prezzo del biglietto. Emozionante e vissuto sullo 'scontro' personale tra la Siviglia e il suo recente passato: Delonte Holland. L'ex ha ingaggiato un match nel match, tenendo testa al tentativo di strappo di Teramo, mettendo a segno in questo quarto 18 dei 27 punti che lo hanno incoronato mvp della serata. Ma non è bastato a Varese perchè il fallo sistematico e la maggior presenza dalla lunetta nei minuti decisivi hanno fatto pendere la bilancia dalla parte di Teramo che delle due aveva più bisogno di una vittoria. SIVIGLIA: Brown 9, Bernard, Poeta 11, Woodward 20, Santarossa 2, Lulli 9, Janicenoks 14, Martinez 9, Grundy 11. N. e. Miller, Valentino, Marzoli. All. Bianchi. WHIRLPOOL:Capin, Hafnar, Howell 11, Holland 27, De Pol 5, Galanda 5, Keys 11, Carter 11, Fernandez 10. N. e. Genovese, Antonelli, Gergati. All. Magnano. ARBITRI: Mattioli, Chiari, Sardella. NOTE: tiri da due Teramo 29/39; Varese 18/30; tiri da tre Teramo 5/19; Varese 9/21; rimbalzi Teramo 29; Varese 30; usciti per 5 falli: Woodward al 39'. Spettatori circa 3. 200 (incasso non comunicato).

Leave a Comment