Claudia Cardinale a Teramo per la Stagione di Prosa

TERAMO Volge quasi al termine la seconda Stagione di Prosa organizzata della Società della Musica e del Teatro “Primo Riccitelli”: in scena per il penultimo appuntamento in cartellone Claudia Cardinale, interprete e protagonista dello 'Zoo di vetro' di Tennesee Williams. Sul palcoscenico del Teatro Comunale di Teramo lo spettacolo vivrà per la programmazione serale gioved_ 29 marzo alle ore 21, mentre per quella pomeridiana venerd_ 30 marzo con inizio alle ore 17, 30. Lo Zoo di vetro, rappresentato per la prima volta nel 1944 a New York, vi rimase per una serie innumerevole di repliche, segnalò Tennessee Williams tra le voci più autentiche e personali del teatro del suo tempo, facendo di quest'opera uno dei più famosi classici della letteratura americana. In Italia fu rappresentato per la prima volta al Teatro Eliseo nel '46, per la regia di Luchino Visconti, protagonisti Rina Morelli, Paolo Stoppa, Giorgio De Lullo. Nella pièce Amanda (Claudia Cardinale) ricorda quando era una ragazza affascinante e sicura di sè, mentre adesso, piena di rimpianti, guarda con pietà alla sua attuale condizione di donna abbandonata dal marito. Con lei vivono i due figli: Tom, oppresso dal carattere forte ed assillante della madre, e Laura, sola e indifesa, rimasta zoppa per una malattia, vive rcchiusa in un mondo tutto suo popolato da una collezione di animali di vetro fragili almeno quanto lei. L'attenzione dell'autore si posa su queste due figure femminili che in un crescendo di conflitti per ambivalenze caratteriali ed emotive, intessono un complicato rapporto di amore e odio che culmina nello scoppio di un dramma di profonda emozione e poesia. La famiglia Wingfield è una famiglia che ha fallito nelle sue aspettative, e come spesso accade nelle dinamiche familiari, non tanto per drammatici eventi esterni ma per incapacità profonda ad amare. Si scontrano infatti, nel testo di Williams, tre violenti egoismi diversi con effetti al limite della patologia. La possessività morbosa della madre, il desiderio di fuga del figlio, il quasi autismo della figlia. La messa in scena di Liberovici giovane regista emergente, crea, attreaverso alcun proiezioni ed una 'scenografia acustica', un percorso parallelo e contemporaneo all'azione scenica: come a creare un contrappunto evocativo di immagini e sonorità della vita dei personaggi, dei loro gesti, dei sussurri, degli sguardi e delle emozioni più nascoste. . La decorativa bellezza cinematografica di Claudia Cardinale ne 'La ragazza con la valigia', 'Il bell'Antonio', 'Il Gattopardo' cede il posto, sul palcoscenico alla bellezza della maturità artistica ed estetica per incarnare un personaggio intenso e difficile. La piece viene proposta nella traduzione di Gerardo Guerrieri e adattamento di Andrea Liberovici. Gli altri attori sono Ivan Castiglione, Orlando Cinque, Olga Rossi; le scene di Lucia Goj, i costumi di Silvia Aymonino; luci Sandro Sussi, musiche Andrea Liberovici. La regia è di Andrea Liberovici.

Leave a Comment