Agroalimentare, apre lo sportello della tracciabilità 

TERAMO  Apre a Teramo lo sportello per la tracciabilità dei prodotti agroalimentari. Il nuovo servizio sarà presentato in un convegno che si svolgerà il prossimo 19 aprile alla Sala Polifunzionale della Provincia di Teramo.  Lo sportello apre grazie ad una convenzione che le quattro Province abruzzesi.  'Abruzzotrace strumento per la valorizzazione e la salvaguardia dei prodotti regionali' è il tema dell'incontro,  al quale sono stati invitati associazioni di categoria,  imprenditori del mondo agricolo, istituzioni e organismi rappresentativi del settore.  A illustrare le attività di Abruzzo Verde Onlus e del portale Abruzzotrace, il presidente dell'associazione,  Alessandro Bucciarelli: 'Il progetto Abruzzotrace rappresenta l'unico esempio sul territorio regionale di tracciabilità ed identificazione delle filiere agroalimentari. Partecipare al progetto significa per le aziende poter mostrare ai propri clienti la storia dei propri prodotti, le materie prime utilizzate, i siti di preparazione, i tempi di conservazione, e non ultimi la localizzazione dei luoghi di produzione, nel contempo assolvere a tutti gli impegni dettati dalla normativa vigente in materia di tracciabilità'.  Secondo la normativa la 'rintracciabilità' rappresenta la capacità di ricostruire e seguire l'utilizzo di un prodotto attraverso identificazioni documentate. In sostanza la rintracciabilità è la capacità di conoscere, risalire e seguire il percorso di un alimento o seguire a ritroso la storia di un animale.  'Di fronte alla crescente sensibilità del consumatore nei confronti della sicurezza alimentare e alla necessità per il produttore di valorizzare la qualità, il sistema di rintracciabilità diviene un potente strumento competitivo per le filiere perché fornisce alle produzioni agroalimentari un'identità legata al territorio e al produttore dichiara l'assessore Orazio Di Marcello una sorta di carta d'identità in grado di rendere il prodotto 'tracciabile' e i suoi processi di produzione e trasformazione chiari e trasparenti'.  Interverranno, oltre al presidente Ernino D'Agostino e all'assessore alle attività produttive Orazio Di Marcello,  l'assessore regionale all'agricoltura Marco Verticelli, il direttore generale di Csqa ente di certificazione accreditato Pietro Bonato; Adone del Negro del Consorzio di 'Ventricina del Vastese; Ugo Ciavattella del Consorzio del Pecorino di Farindola; Vittorio Festa, consigliere di Assoenologi Abruzzo e Molise; Elio Lamparelli, direttore di Atvp.

Leave a Comment