In Abruzzo le imprenditrici sono hi-tech

PESCARA Donne sempre più protagoniste nel mercato del lavoro in Abruzzo: un ruolo di rilievo lo rivestono nel settore hitech dove sono ben 736 le imprese femminili nel comparto della tecnologia.  E' quanto emerge da un'indagine della camera di Commercio di Milano i cui dati per l'Abruzzo sono stati elaborati dall'agenzia giornalistica Dalla A alla V.  Un dato in continua crescita, soprattutto se rapportato al numero di imprese dell'anno precedente che era pari a 692 e alla variazione (6, 4%), pari a più del doppio dell'incremento registrato a livello nazionale (3%). La maggior parte delle imprese si occupa di informatica e di attività comunque connesse (456), ma anche della fabbricazione di macchine e di apparecchi meccanici oltre che dell'installazione (100),  apparecchi medicali, di precisione e strumenti ottici (70). In numero inferiore, invece, le imprese femminili che si occupano di poste e telecomunicazioni (39), fabbricazione di prodotti chimici e fibre sintetiche (27), di apparecchi radiotelefonici e per la comunicazione (22) e, infine, solo quattro sono quelle attive nella ricerca e sviluppo.  Disaggregando i dati a livello provinciale si evince che la maggior incidenza delle imprese tecnologiche femminili sul totale è all'Aquila che presenta un indice pari al 12% e una crescita esponenziale considerando che proprio in questa provincia si è registrato il maggior incremento (+10%) nel corso del 2006. Al contempo, a detenere il primato per numero di imprese femminili hightech è la provincia di Pescara, in cui si registrano ben 213 aziende con un'incidenza del 10% e un incremento rispetto al 2005 pari al 5, 4%. Buon andamento anche per la provincia di Chieti dove le aziende di alta tecnologia gestite da donne sono 190 con un peso pari al 10% sul totale delle imprese che operano nello stesso settore e un incremento rispetto all'anno precedente del 5%. Teramo, con le sue 171 imprese tecnologiche femminili, sfoggia un'incidenza di quasi l'11% e un incremento di queste pari al 5, 6%.

Leave a Comment