Faurisson? Una rissa con trenta identificati

TERAMO La lezione di Robert Faurisson? Una improvvisata conferenza stampa sotto i portici del Grand'Italia, una gigantesca rissa e trenta identificati. Si è svolta cos_ la mattinata teramana del negazionista francese che, incurante del divieto dell'Università di Teramo e delle polemiche divampate in questa settimana sulla sua lezione da tenere su invito del professor Claudio Moffa, ha ritenuto di esserci lo stesso: un gruppetto di 'ebrei di Roma', presentatisi come figli di deportati nei lager nazisti, lo hanno affontato in piena piazza, a suon di minacce e offese. E' partito anche un ceffone che, indirizzato allo storico che nega la shoah, ha invece colpito al volto Moffa che voleva difenderlo. Ne è scaturito un deciso intervento della polizia mentre alcuni teramani hanno ingaggiato un violento diverbio con gli stessi 'ebrei di Roma', fino a quando squadra mobile e Digos hanno riportato la situazione alla normalità. Bilancio: panico per alcuni minuti nela centralissima piazza Martiri della libertà, trenta identificati, dei quali tre sicuramente denunciati a piede libero, Faurisson 'impacchettato' dalla polizia e accompagnato sotto scorta a Roma, con conseguente rinvio della lezione che, imperterrito, avrebbe dovuto tenere alle 15 al ristorante Acquamarina di San Nicolò.

Leave a Comment