Quattro nordafricani in manette per droga

MARTINSICURO  Due blitz, quattro arresti pesanti, che hanno forse minato alla base un consistente canale di rifornimento del mercato della tossicodipendenza e sancito in maniera molto concreta che l'attenzione dei carabinieri della compagnia di Alba Adriatica è alta: in una settimana sono stati in tutto 8 gli arresti sul fronte della lotta allo spaccio di stupefacenti. La prima delle operazioni è scattata a Martinsicuro in un casolare abbandonato: l'irruzione ha premiato il lavoro di molti giorni degli uomini del nucleo operativo della compagnia albense. All'interno dell'edificio diroccato di campagna, i militari oltre una decina hanno sorpreso tre algerini,  tra i 25 e i 35, tutti clandestini e già colpiti da un provvedimento di espulsione dal territorio italiano, intenti nel certosino lavoro di preparazione di dosi da distribuire sul mercato ai loro 'pusher'.  Sostanze da taglio, coltelli, bilancini di precisione, confezioni,  banco da lavoro: c'era tutto e c'era soprattutto la droga, eroina molto pura, in totale un etto e mezzo. Avevano già svuotato due ovuli e si accingevano a confezionare altre dosi dal contenuto di un terzo ovulo quando sono stati bloccati dall'irruzione dei carabinieri: non hanno potuto nemmeno tentare una reazione. Sono stati ammanettati e accompagnati in caserma, mentre tutto il materiale veniva sequestrato.  Rinchiusi nel carcere di Castrogno a disposizione del magistrato,  dovranno rispondere di concorso in detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La stessa contestazione mossa nei confronti di un altro nordafricano, ma tunisino, che è stato invece bloccato mentre cedeva un piccolo quantitativo di eroina, circa 5 grammi, ad alcuni tossicodipendenti, per strada, sempre a Martinsicuro. Anche qui operazione tempestiva e precisa: il nordafricano non ha potuto reagire ed è stato bloccato, fino ad essere rinchiuso nel carcere di Castrogno.

Leave a Comment