In tre sono morti sul colpo, Alina è annegata

TERAMO  Hanno vissuto drammaticamente gli interminabili secondi prima dello schianto, impotenti nell'elicottero che inesorabilmente si schiantava sul greto del fiume. Quel panorama mozzafiato che poco prima li aveva incantati se li stava inghiottendo in un volo di morte. E tra le quattro vittime, quella che ha soffeerto di più sembra essere stata Alina la quale, ferita a morte, è annegata nel relitto sottacqua. Le autopsie hanno offerto un piccolo contributo alla ricerca di verità in cui sono impegnati gli investigatori ma soprattutto i parenti e gli amici delle vittime. Sergio Testoni, Andrea Ruggieri e Nadia Durante sono morti sul colpo nell'impatto del Robinson R44 sull'acqua melmosa del fiume Vomano. Alina è rimasta ferita gravemente nello schianto, ma ha vissuto qualche minuto in più, ma forse incosciente per i traumi e intrappolata dalla cintura di sicurezza, è stata sopraffatta dall'acqua che le ha invaso i polmoni. E' servito un intero pomeriggio all'anatomopatologo Giuseppe Sciarra per concludere il suo lavoro sulle quattro salme: voleva fare in fretta per restituire i corpi a chi vuole giustamente piangerli nella camere ardenti che in tarda serata sono state allestite all'obitorio del Mazzini e che da questa mattina fino ai funerali di domani accoglieranno il mesto pellegrinaggio di chi conosceva tutti e quattro. L'esame medico legale ha rilevato devastanti traumi sul corpo del pilota, ucciso da un micidiale colpo di una delle pale del rotore che nell'impatto a terra si è disintegrata sulla cabina. Andrea Ruggieri, che sedeva a fianco del pilota, non ha avuto scampo nella caduta libera del velivolo, cos_ come la cugina acquisita Nadia che sedeva dietro di lui. Questo ha drammaticamente chiarito che i quattro occupanti si sono resi conto di quanto stesse accadendo all'interno della cabina e l'aggancio del cavo elettrico, che ha bloccato per interminabili secondi l'elicottero, è stato vissuto nel terrore di quello che sarebbe arrivato di l_ a poco. L'esame autoptico ha nello stesso tempo smentito le voci che volevano la giovanissima Alina in attesa di un bimbo. Le sale adesso saranno affidate alla pietosa sepoltura, mentre proseguirà il lavoro dei periti dell'Ansv e dell'Enac che in settimana saranno incaricati di esaminare il velivolo e il cavo dell'alta tensione tranciato per dare una esatta ricostruzione dell'incidente e individuare anche le responsabilità di quanto accaduto. Il magistrato ha concesso il nullaosta per la sepoltura e in tarda serata sono state allestite le camere ardenti all'obitorio dell'ospedale Mazzini, che saranno aperte al pubblico da domattina alle 8. I funerali saranno comuni: esquie per tutte e quattro le vittime, al Santuario della Madonna delle Grazie, mercoled_.

Leave a Comment