Cda Consorzio Torre del Cerrano senza sperperi

TERAMO  “Non abbiamo promosso la nascita del consorzio per sperperare il denaro pubblico _ dichiara l'assessore provinciale all'Ambiente Antonio Assogna , ma per tutelare lo straordinario patrimonio marino della zona del Cerrano e farne una ricchezza importante in termini turistici, ambientali ed economici. Nel momento in cui sarà istituito, il consiglio d'amministrazione sarà a costo zero. Sarà infatti l'assemblea a decidere eventualmente se assegnare delle risorse per il rimborso delle spese sostenute dai suoi componenti”. E' la risposta alle dichiarazioni dei consiglieri regionali Giovanni Pace e Benigno D'Orazio che avevano subito puntato il dito contro “gli sperperi” alla notizia dell'istituzione del Consorzio Parco marino Torre del Cerrano. “Siamo dispiaciuti che i nostri sforzi _ dice Assegna in una nota siano strumentalizzati per fini puramente politici. Siamo tuttavia certi che il cammino intrapreso finora, che si compirà con l'approvazione in consiglio regionale prevista in una delle prossime sedute, non sarà vanificato da dichiarazioni destituite di ogni fondamento”.  

Leave a Comment