"Classifiche sbagliate: c'è la Tarsu al posto della Tia"

TERAMO Ci sarebbe un errore di calcolo nelle classifiche delle città capoluogo pubblicate da Il Sole 24 ore e legate al prelievo fiscale:nei dati non viene riportata la Tia bens_ la Tarsu e su media pro capite dei capoluoghi abruzzesi. Ecco perchè, secondo il segretario comunale Ds, Maurizio Angelotti, 'il sindaco Chiodi produce ancora una volta solo disinformazione propagandistica'. 'Volutamente sostiene Angelotti in una nota , immaginiamo, o cadendo in errore, e questo sarebbe davvero sorprendente, Chiodi esalta un risultato che nulla ha a che vedere con la realtà dei fatti cittadina. Il Centro Studi Sintesi, che ha curato l'elaborazione da noi contattato ha fornito gli importi inseriti per Teramo, che sono rispettivamente di 125, 130 e 140 euro per i tre anni analizzati, e che derivano dalla media TARSU delle altre città capoluogo abruzzesi. Se correttamente sottraiamo questi importi fittizi ed inseriamo gli importi reali del prelievo TIA teramano voliamo, come percentuale di aumento, in testa ad ogni classifica con un +84% per il solo esborso sui rifiuti'. Secondo Angelotti il sindaco 'invece di tentare di farsi bello con la TARSU degli altri comuni capoluogo, che per inciso sono tutti guidati dal centrosinistra, si preoccupi una volta e per tutte di tentare di ridurre la pressione fiscale dei cittadini teramani giunta ormai a livelli inaccettabili'.

Leave a Comment