La 12a edizione del Di Venanzo entra nel vivo

TERAMO La 12^ edizione del Premio Di Venanzo entra nel vivo. Dopo la proiezione dei film fotografati da Alvaro Mancori (Esposimetro d'oro alla carriera), domani, martedì 23 ottobre, al Cinema Smeraldo di Teramo proseguono le proiezioni dei film premiati. (In Primo Piano il programma nel dettaglio). Alle 18:00 sarà proposto il film La vie en rose/ La môme  (Francia, 2006) del regista Olivier Dahan. Per le luci e le atmosfere di questo film il direttore della fotografia Tetsuo Nagata ha ottenuto l'Esposimetro d'oro del 12° Di Venanzo per la fotografia di un film straniero con la seguente motivazione: “Per aver portato nel croma della cultura fotografica del cinema europeo la sensualità di vibrazioni a noi sconosciute”. La vie en rose, con Marion Cotillard, Gerard Depardieu e JeanPierre Martins, racconta dall'infanzia alla fama, dal trionfo alla disperazione, da Belleville a New York, la straordinaria vita di Edith Piaf. Alle 20:30, sempre allo Smeraldo e sempre con ingresso gratuito, sarà proiettato Nero bifamiliare (Italia, 2007), il film diretto da Federico Zampaglione. Il leader dei Tiromancino, per la sua opera prima, si è avvalso delle capacità di Arnaldo Catinari, direttore della fotografia bolognese di 43 anni, al quale la giuria del Premio ha assegnato l'Esposimetro d'oro per la fotografia di un film italiano. Questa la motivazione dei giurati: “Per la capacità di allontanarsi dalla banalità della vita quotidiana e dipingere in maniera originale la discesa all'inferno narrata in questo racconto nero”. Nero bifamiliare è una commedia nera e graffiante sui vizi, le ossessioni e le debolezze di una società iperattiva e truffaldina che però non vuole smettere di sognare, inseguendo emozioni e sentimenti che rischiano di essere schiacciati dal quotidiano. Nel cast: Claudia Gerini, Luca Lionello, Remo Remotti, Ernesto Mahieux e Cinzia Leone. Sempre nella serata di martedì 23 ottobre, alle 22:30, il Premio Di Venanzo rende omaggio a Michelangelo Antonioni con la proiezione de Il grido (Italia, 1957) che rientra nell'ambito della mini rassegna “La luce è nota: Antonioni e Di Venanzo”, che propone due film in cui hanno lavorato insieme il grande regista e il grande maestro delle luci. Altro appuntamento da non perdere è quello in programma mercoled_ 24 ottobre al Cinema Smeraldo alle ore 21:00. Per la rassegna “Luigi Di Gianni _ Il respiro magico del cinema”, curata da Leonardo Persia, sarà proiettato il film Il tempo dell'inizio (Italia, 1974) di Luigi Di Gianni. L'autore sarà presente in sala. Questo pomeriggio ad Atri, alle ore 17:30, presso l'Auditorium della chiesa di S. Agostino, sarà proiettato il documentario sulla città ducale prodotto dal Premio Di Venanzo.

Leave a Comment