Giulianova: Impronte teme la grande distribuzione

TERAMO  Mercoled_ approderà in Consiglio Comunale il nuovo Piano Commerciale, un'occasione preziosa per decidere il futuro di un settore importante per l'economia di Giulianova e, inevitabilmente, un'opportunità da non perdere per riconsiderare la questione del nuovo centro commerciale di Case Muzi. Parlare di un qualsiasi Piano Commerciale per Giulianova è esercizio di pura retorica, sostiene l'associazione giuliese di cultura politica “Impronte”, se prima non si scioglie quel nodo e se nell'affrontarlo non si ragiona anche in termini di sviluppo dell'economia locale e di potere d'acquisto delle famiglie, soprattutto di quelle che, purtroppo sempre più numerose, non ce la fanno ad arrivare alla IV settimana. "¨”Dobbiamo accorciare la distanza tra i produttori locali ed il consumatore, le famiglie. Dobbiamo far crescere le vendite di prodotti locali nel dettaglio tradizionale e non, e convincere il negozio sotto casa a rifornirsi _ spinge l'associazione il più direttamente possibile e, quindi, senza costi aggiuntivi di intermediazione, da produttori locali, altrimenti la sua battaglia contro l'ipermercato di turno sarà una battaglia persa in partenza ma non a causa della posizione di forza da cui opera l'ipermercato ma per scelta del consumatore”. "¨Nel campo della distribuzione alimentare, riuscire in tutto questo significherebbe portare sulle nostre tavole cibi più sani e genuini, tutelare la nostra salute, limitare l'impiego di imballi (= produrre meno rifiuti), migliorare la qualità dell'ambiente (=niente lunghi percorsi delle merci lungo strade ed autostrade) e, “cosa importantissima _ sottolinea “Impronte” far s_ che i nostri soldi si allontanino il meno possibile da Giulianova e dintorni. "¨Bisogna che nella pianificazione commerciale trovino un posto di rilievo i mercatini locali e rionali, dove le famiglie, soprattutto quelle che arrivano a stento alla 3a settimana, possano trovare prodotti genuini, di qualità e a prezzi contenuti. "¨Più accorceremo la filiera più accresceremo il potere di acquisto delle famiglie e più sosterremo l'economia locale. Esattamente il contrario di ciò che avverrebbe nella sciagurata ipotesi in cui si dovesse realizzare il nuovo centro commerciale a Giulianova”.

Leave a Comment