Giulianova: debiti fuori bilancio e Cirsu

TERAMO – Debiti fuori bilancio invece che piano commerciale. Questo è quanto lamenta l'associazione “Impronte” di Giulianova, che aspettava di sentire dibattere in consiglio l'argomento relativo al futuro commerciale della città e ha visto invece trattare il riconoscimento del debito fuori bilancio “a favore del Cirsu”. “Il Consiglio Comunale è chiamato a dare la sua benedizione ad un'operazione che sa di BEFFA legalizzata: se il punto passerà a maggioranza, finiranno nelle casse del Cirsu quasi 300. 000 € per i maggiori costi di trasporto dei rifiuti di Giulianova sostenuti dal Consorzio durante la chiusura della discarica di Grasciano disposta lo scorso anno dai magistrati di Teramo” scrive l'associazione in una nota. Il sequestro della discarica avvenne a seguito del riscontro di “gravi violazioni alle Leggi Galli e Ronchi e delle numerose segnalazioni pervenute alle Forze dell'Ordine da parte del Comitato per la Difesa della Val Tordino. “Ecco perché noi parliamo di beffa: sì proprio di beffa, perché oltre ad esserci beccati il danno ambientale costituito dall'inquinamento del Tordino a causa del percolato finito dalla discarica nel fiume e, poi, da questo in mare, adesso ci toccherebbe pagare anche il conto, con il voto favorevole di coloro che abbiamo eletto a nostri rappresentanti. Oltre al danno, la beffa, per l'appunto” è la conclusione di “Impronte”.  

Leave a Comment