Capodanno? Attenti all'emicrania

TERAMO – Il veglione di Capodanno? Può scatenare fastidiose emicranie e cefalee del giorno dopo. Quindi anche alla fine dell'anno stile di vita sano se si vuole evitare di passare il primo giorno del 2008 con la testa che scoppia. E' un monito diffuso dall'Ansa. "Quella dello stile di vita – ha detto Paolo Martelletti, direttore del centro di riferimento regionale per le cefalee all'ospedale Sant'Andrea di Roma – è una delle due variabili che sono alla base di emicranie e cefalee. L'altra è la variabile genetica. Mentre sulla variabile ambientale possiamo agire e diminuire l'attivazione di cefalee ed emicranie stando attenti ai nostri comportamenti quotidiani, su quella genetica non siamo ancora in grado di intervenire". Per quanto riguarda le abitudini, Martelletti mette in guardia contro l'alterazione dei cicli del sonno. Un capitolo che riguarda in particolare queste feste. Nel mirino soprattutto la notte di Capodanno: "Andare a dormire alle quattro del mattino, per i soggetti emicranici e per quelle cefalee correlate al sonno, significa aumentare le probabilità di scatenare mal di testa". Quindi una buona dormita a orari consoni alla fine dell'anno sarebbe da rispettare, anche se rinunciare al veglione non è poi così facile.

Leave a Comment