Canzio vs Assogna

TERAMO – “Caro Assessore Assogna, crediamo che lei sappia come i costi della politica non sono costituiti dagli stipendi degli Assessori… ma da ciò che ogni Assessore produce o non produce in favore della collettività! Lei cosa ha prodotto per risolvere l’emergenza rifiuti?”. E’ la polemica quanto poco ortodossa conclusione di una nota che Roberto Canzio, coordinatore della lista civica di Teramo “Al Centro con Chiodi” rivolge all’assessore all’ambiente della Provincia Antonio Assogna. Assogna, per Canzio, che fa riferimento a una precedente nota dell’assessore che già rispondeva allo stesso Canzio, si dichiara «stupito» e ci accusa, dice sempre Canzio, di «tendere a equivocare fatti, ruoli e competenze», va precisato, in realtà, che le sue dichiarazioni (di Assogna ndr) sono a dir poco sorprendenti. Come può egli, infatti, dichiarare che i siti individuati dalla Provincia sono «potenzialmente idonei» e far finta che l’individuazione dei siti idonei non è di competenza dell’Amministrazione di cui fa parte? Canzio, che chiede un confronto pubblico sull’argomento, spiega che forse l’assessore dimentica che tra le competenze della Provincia c’è l’individuazione dei siti e che comunque il MoTe ha più volte comunicato di avere scelto l’ampliamento della discarica “La Torre”. E si pone, Canzio, un’altra domanda retorica:” Come può continuare (Assogna, ndr) ad affermare che per uscire dall’emergenza bisogna esclusivamente incentivare la raccolta differenziata, omettendo che se anche si dovesse raggiungere il 60% entro il 2011, come previsto dal nuovo Piano Regionale dei Rifiuti, ci sarà comunque la necessità di un impianto di smaltimento”? Il coordinatore della lista civica cittadina chiede se l’assessore provinciale non abbia approvato la scelta di Corazzano e altri siti indicata a suo tempo dal dirigente regionale Franco Gerardini e se, quando nel 2004 ha ssunto il proprio incarico, la situazione degli impianti non fosse migliore rispeyto ad oggi. E Ancora:” Non era lei l’Assessore all’Ambiente della Provincia che quasi due anni annuncia l’uscita dall’emergenza attraverso la riapertura delle discariche di Tortoreto, Mosciano, Atri e Sant’Omero? Forse intende chiarire definitivamente ai cittadini teramani come mai la sezione urbanistica della “sua” Provincia ha dato un parere negativo all’ampliamento de “La Torre” sulla base dell’articolo 5 del Piano Territoriale Provinciale che in realtà lo consente!!”.

Leave a Comment