Bianchi: "Il cuore oltre l’ostacolo"

TERAMO – Finalmente coach Bianchi può presentarsi in sala stampa per sorridere e parlare di un match dominato, come dice lui "vinto bene contro una squadra ottima". "Abbiamo gettato il cuore oltre l’ostacolo – ha esordito il coach della Siviglia – dovevamo vincere, lo abbiamo fatto bene. Gallinari ha fatto molti punti ma sicuramente siamo riusciti a limitare i suoi giochi abituali; in attacco siamo stati bravi, avendo anche una ottima giornata nel tiro da tre punti, i ragazzi sono stati bravi a muovere la palla". Un giudizio personale, a parte, merita Roger Powell: “Credo che oggi Powell abbia mostrato tutto il suo talento – ha commentato Bianchi -, per dargli più fiducia, per metterlo più a suo agio abbiamo deciso di riportarlo nella posizione a lui più ideale, quella che aveva nel college e questo lo aiutato, è stato molto aggressivo così come la squadra deve essere in tutte le partite in casa". Cosa dire degli altri? Gli auguri di rito vanno a Yango, che nella notte è diventato padre – la moglie ha partorito suo figlio Oltreoceano -, ma anche a Skita che ha provato dopo l’infortunio di venerdì alla caviglia ma non è riuscito a farcela. "image"Complimenti a questa Siviglia arrivano anche dall’altro fronte, dal coach ex Roseto, Attlio Caja: "Bravo a questo Teramo, che ha saputo approfittare delle nostre difficoltà nell’uno contro uno – ha detto l’allenatore delle scarpette rosse -, noi di nostro abbiamo avuto molte difficoltà con gli interni e lo sta a dimostrare il dato delle 20 palle perse. La mia squadra ha sofferto anche il tour de force dei tanti impegni e si è visto quando abbiamo mollato mentalmente nel quarto quarto dopo aver speso tanto nel terzo per rimontare Teramo".

 

 

Leave a Comment