Sanità in Consiglio provinciale

TERAMO – Un documento, già sottoposto all’attenzione dei comitati cittadini degli ospedali di Giulianova, Sant’Omero ed Atri e del Comitato ristretto dei sindaci, e che contiene una serie di proposte per migliorare il sistema sanitario provinciale in vista del piano regionale in corso di approvazione, sarà discusso nella seduta del Consiglio provinciale di Teramo di lunedì 25 febbraio. “Con questo documento – afferma l’assessore Sacco alla Sanità Mauro Sacco che con il Consigliere Leandro Di Donato ha coordinato il gruppo di lavoro specifico – presentiamo le nostre osservazioni al piano regionale con le istanze e le proposte per migliorare la sanità teramana. Pur rendendoci conto delle difficoltà finanziarie e della necessità di razionalizzare le risorse – prosegue l’assessore in una nota dell’ufficio stampa della Provincia – vogliamo che sulle scelte che riguardano da vicino il nostro territorio ci sia maggiore attenzione per evitare penalizzazioni soprattutto a danno degli utenti”.“Abbiamo intenzione di rappresentare – dichiara il consigliere provinciale Leandro Di Donato, che coordina le proposte sulla medicina ospedaliera – la necessità di avere una visione d’insieme della rete delle strutture sanitarie e ospedaliere sul territorio e l’esistenza di un’emergenza assoluta dovuta alla carenza di organico, alla obsolescenza dei mezzi e alle quote di mobilità passiva, fatti che richiedono soluzioni certe e sollecite”. “Siamo inoltre contrari – aggiunge Di Donato – all’istituzione di due aziende ospedaliere universitarie, individuate a l’Aquila e a Chieti, sia perché non si capisce perché l’Abruzzo ne abbia bisogno sia perché rischiano di drenare risorse e pazienti trasformando gli ospedali in ambulatori”.

Leave a Comment