Ecco il Museo della Fisica e dell’Astrofisica

TERAMO – Sarà inaugurato probabilmente nel prossimo mese di Aprile il Centro Multimediale della Gammarana. Lo ha annunciato il Sindaco, questa mattina all’atto della firma della convenzione che regola i rapporti tra il Comune di Teramo e l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, per la gestione del Museo della Fisica e dell’Astrofisica.
Hanno presenziato alla sottoscrizione dell’intesa, il Sindaco Gianni Chiodi e l’assessore ai Lavori Pubblici Maurizio Brucchi, mentre sono intervenuti, per l’INFN, il Presidente nazionale Prof. Roberto Petronzio,  il Prof. Eugenio Coccia, Direttore del Laboratorio di Fisica Nucleare del Gran Sasso e il Direttore dello steso Museo della Scienza e della Tecnica Prof. Aurelio Grillo.
Oltre al Museo, nel Centro Multimediale troveranno sede l’Eurispes, il Centro Europe-Direct (in collaborazione con l’Università di Teramo) e una sala convegni con una disponibilità di 400 posti
Il Museo della Fisica e dell’Astrofisica sarà gestito dall’Istituto di Fisica Nucleare ed avrà un ruolo di anticipatore della conoscenza degli esperimenti che vengono compiuti all’interno del Laboratorio sotterraneo del Gran Sasso. La sua finalità, quindi, è di favorire ed attrarre il turismo scientifico e scolastico, configurandosi in questo all’interno della vocazione culturale che Chiodi vuole ristabilire per la città.
Il Museo sorge all’interno del Centro Multimediale i cui lavori erano sospesi dal 2004 e poi sono stati ripresi dall’attuale amministrazione comunale. Il Prof. Petronzio ha definito “vitale”  la struttura teramana indicandola anche come una sorta di scommessa, essendo essa la prima del suo genere gestita dall’istituto scientifico su scala nazionale. A lui ha fatto eco il Sindaco Chiodi che ha tra l’altro rimarcato il significato della presenza del vertice dell’istituto scientifico a Teramo,  “considerata la mancanza di relazioni tra l’Istituto ed il nostro territorio” augurandosi di conseguenza che l’attivazione del Museo dia il via a rapporti più intensi.

 

Leave a Comment