Musica e cibo di Roma antica e i teramani d’oggi

TERAMO – Grande successo di partecipazione e di valore al museo Archeologico, per l’appuntamento di ieri con le note e la gastronomia del passato. Ci si aspettava un concerto “tradizionale” da parte del gruppo Synaulia ed invece si è trattato di un concerto-lezione, durante il quale sono stati presentati, spiegati e suonati numerosi strumenti come la lira e la cetra, regine della musica antica, i fiati, le nacchere di conchiglie, i timpani, i magici rombus.
Musica e cibo dell’antica Roma consumati nello spazio più conforme: le sale espositive del Museo che ospitano fino al prossimo 31 Maggio la mostra sulla storia del rapporto tra uomo e cibo raccontata attraverso gli “oggetti parlanti”: coppe d’argento per le libagioni, calderoni e spiedi di bronzo;anfore da trasporto per vino e olio; il vasellame ceramico proveniente dai vari siti di Pompei, Campovalano, Chieti, ecc… Una serata suggestiva, ricca di evocazioni e impreziosita dal fascino della scoperta di usi e costumi ormai da noi lontanissimi. Al concerto ha fatto seguito la degustazione di pietanze preparate all’uso dell’epoca romana e la conoscenza di sapori ed accostamenti del tutto originali, è stata decisamente piacevole. Una bella iniziativa, insomma, quella dell’Assessorato alla cultura del Comune e del Museo; una iniziativa degna di appuntamenti dal respiro ampio e dalla eco vasta. Ma d’altronde la risposta dei teramani è stata più che incoraggiante; moltissimo pubblico e grandissimo apprezzamento. Evidentemente quando la proposta, nella nostra città, si fa interessante e di qualità, Teramo sa adeguatamente rispondere.. Se ne prenda nota.

Leave a Comment