Siviglia a caccia di un altro colpo esterno

TERAMO – Il Siviglia Wear Teramo ci riprova. Dopo l’exploit di quindici giorni fa sul campo del Biella, il Siviglia Wear Teramo è pronto per tornare in campo domani sera sul parquet della Snaidero Udine, sempre in diretta televisiva su Sky Sport. Il team friulano è squadra molto esperta che in questa stagione ha vinto in otto occasioni al PalaCarnera (contro Scavolini, Upim, Legea, Benetton, Tisettanta, Cimberio, Pierrel e La Fortezza), lasciando l’intera posta agli avversari però per ben sei volte. L’ex Cesare Pancotto, decano degli allenatori in Serie A che festeggerà proprio contro una sua ex squadra le 100 partite nella massima serie da head coach della Snaidero, può contare su un roster composto da atleti di valore, con un pedigree di assoluto livello: l’intelligenza tattica di Jerome Allen a dettare il ritmo, la straordinaria pericolosità dall’arco dell’ex Lakers Mike Penberthy e del teutonico Sven Schultze, l’esperienza di Nikos Vetoulas, anche lui a meno uno da quota 100 gettoni in A (tutti con la canotta udinese), l’atletismo di Nate Green, nonchè la presenza sotto le plance dell’altro ex Brooks Sales e di Christian Di Giuliomaria. I friulani, proprio come Teramo sconfitto in casa sabato scorso da Avellino, sono reduci da un ko ma in esterna e contro l’Armani Milano (95-86). Quella di domani sarà la decima sfida tra i due club nella massima serie. Al momento il bilancio sorride alla società aprutina che guida per cinque successi contro i quattro dei friulani, l’ultimo dei quali conseguito nel girone di andata al PalaScapriano con il punteggio finale di 99-86. Ben tre, invece, gli ex presenti sul parquet, tutti di sponda udinese: oltra ai tecnici Cesare Pancotto e Stefano Comuzzo, va ricordato anche il centro statunitense Brooks Sales (tutti e tre a Teramo nella stagione 2004/05). Sul fronte squadra, Bianchi ha recuperato Carra, Poeta ed Adams, in tribuna dovrebbe finire "Skita". Palla a due prevista per le ore 21 con direzione di gara affidata ai signori Cerebuch, Duranti ed Ursi.

Leave a Comment