Casa dello Studente: merito della Regione

TERAMO – La nuova mensa universitaria, da oltre 200 posti, che sorgerà in località Coste S. Agostino, sarà ultimata ed inaugurata entro il mese di maggio. Lo comunica l’ Adsu (azienda per il diritto agli studi universitari). Se ne dichiara ovviamente felice il presidente, Gianfranco Marini. Ma il motivo della nota è un altro: puntualizzare la situazione della Casa dello Studente. "Abbiamo appreso con estrema soddisfazione la volontà espressa, anche a mezzo stampa, dalla Giunta Del Turco e dall’assessore Fernando Fabbiani in particolare, di risolvere al più presto un altro annoso problema, quello del completamento dell’immobile con la realizzazione della parte destinata a residenze per studenti. Sappiamo che la Regione ha individuato le risorse necessarie e attendiamo con ansia la comunicazione ufficiale per procedere speditamente a mettere in moto l’iter per l’appalto dei lavori. Questa opera non ha sicuramente un colore politico, tanto che abbiamo invitato sia il Presidente della Provincia Ernino D’Agostino che il Sindaco Gianni Chiodi a intervenire, sollecitando le istituzioni a stanziare i fondi necessari. Siamo loro particolarmente grati per aver risposto al nostro appello. L’intervento di Chiodi apparso sulla stampa non aveva pertanto alcun sapore polemico, anzi: era un venire incontro a noi e a tutta la città che aspetta da diverso tempo la realizzazione dell’opera. Non è la prima volta che le istituzioni mostrano attenzione nei nostri confronti e soprattutto nei riguardi delle problematiche relative ai servizi per gli studenti degli atenei regionali. Cito un esempio su tutti: nel 2007 i contributi stanziati dalla Regione per le attività delle tre Adsu abruzzesi sono aumentati (2 milioni di euro in più rispetto al 2005 e al 2006), passando, per la nostra azienda, da  941.963 euro del 2005 a 1.217.233 euro del 2007. A Teramo siamo così riusciti ancora una volta ad erogare la borsa di studio a tutti gli aventi diritto, cioè a tutti gli idonei in graduatoria, e a pagare le borse con anticipo rispetto agli scorsi anni, abbiamo potuto inoltre riavviare una serie di iniziative dedicate agli studenti universitari in campo culturale, sportivo e ricreativo, potenziare diversi servizi ed ampliare il nostro raggio d’azione. Non solo: abbiamo anche risolto alcuni problemi tecnici che avevamo con il Patto di stabilità e con la legge Visco-Bersani. Pertanto ritengo doveroso , a nome dell’Azienda che rappresento, ringraziare la Giunta Del Turco e in particolare l’assessore Fernando Fabbiani, con l’augurio di continuare anche in futuro il dialogo fruttuoso che siamo riusciti ad instaurare". Sin qui, l’intervento dell’Adsu. Ci permettiamo qualche breve considerazione. In pratica Marini sembra voler dire che Chiodi  con la decisione della Regione non c’entra nulla. In realtà, lo ricorderanno i nostri lettori,   alcuni giorni fa anche su questo sito esprimemmo qualche perplessità sui tempi di intervento del Sindaco di Teramo, che sollecitò la Regione sull’argomento e subito dopo l’assessore Fabbiani rese noto che c’era disponibilità di fondi. Sembra davvero più probabile che la Regione, vista la vicinanza con il Presidente dell’Adsu e il momento elettorale, abbia risolto l’annosa situazione teramana. Pare evidente anche dal comunicato, peraltro garbatissimo, che non si permetterà al Sindaco di fregiarsi del merito di avere sbloccato la situazione.


Leave a Comment