La magia di Brown fa volare il Siviglia

TERAMO – Se c’erano in palio i play-off, Teramo e Pesaro hanno onorato alla grande la posta in palio. Ha vinto il Siviglia, che fa un passo avanti verso un traguardo non impossibile anche difficile, la Scavolini del teramano Sacripanti può consolarsi per aver conservato il vantaggio del +4 dell’andata. Myers è il grande assente, l’intensità in campo si sente, con Pesaro che viaggia meglio e ha un miglior impatto con la gara, trovando subito il 10-6 ma subendo poco dopo il micidiale 18-4 di Teramo, lanciato da Poeta e da Brown (14 punti in due nella prima frazione), che issa il Siviglia sul 22-14 al minuto numero 8. In questa fase i biancorossi di casa corrono fanno male ma quando si concedono pause la Scavolini è pronta: 7-0 in uscita dal time-out e i pesaresi rientrano in gara. L’equilibrio adesso la fa da padrona e al 14′ è 36-36, così come la sirena del primo tempo registra un leggerissimo vantaggio di Teramo: 46-45 con Hicks che segna ben 15 punti. La partenza della ripresa è a razzo per il Siviglia, che sigla subito un 6-0 che porta Teramo al 52-45 e mette in vetrina un Hassan Adams da schiacciatore da All star game che tocca il massimo vantaggio della gara, 56-46. Poeta fa magie, Clark lo perde spesso, Teramo tira con il 70% da due, Pesaro non incide in difesa, il margine si dilata al 71-63. Ma il ritmo non regge, nonostante Poeta perchè c’è un Clark devastante nel terzo quarto, con i suoi 16 punti nella terza frazione. Si va all’ultimo tempo sul 71-71. Qui Pesaro va avanti 72-74, ma c’è Powell che centra 6 punti di fila e la gara torna in equilibrio e veramente avvincente. Powell, Brown e Poeta da un lato, Clark, Podestà e Hicks dall’altra, rendono il match combattutissimo e le due squadre si superano a turno. L’uscita di Hicks e Zukauskas per limite di falli toglie al finale due protagonisti. Slay piazza la tripla del sorpasso a meno di un minuto dalla fine (89-90), Adams, Poeta, Podestà e Green prendono un punti a testa dalla lunetta e Brokenborough piazza i due punti che sembrano decisivi: ma a 5 secondi dalla fine dalle mani di Brandon Brown (mvp della serata) parte la tripla che segna il 95-93 per il Siviglia.
Lo scout dell’incontro:
SIVIGLIA: Brown 17, Poeta 16, Yango 5, Migliori 7, Powell 11, Lulli 2, Carra 4, Adams 16, Green 17. N.e. Valentino, Marzoli, Patanè. All. Bianchi.
PESARO: Zukauskas 3, Fultz 3, Hicks 21, Clark 31, Podestà 11, Brokenborough 9, Slay 8, Pasco 7. N.e. Laudoni, Myers, Gay, Pesoli. All. Sacripanti.
ARBITRI: Taurino, Borroni e Mastrantoni
NOTE: tiri liberi, Teramo: 18/28, Pesaro: 13/19, tiri da tre, Teramo: 5/22, Pesaro: 12/22, rimbalzi, Teramo: 39, Pesaro: 35. Usciti per 5 falli: Hicks al 36′, Zukauskas al 38′. Spettatori circa 3.200 (incasso non comunicato).

Leave a Comment