Picchiata e stuprata in un cantiere da un moldavo

MARTINSICURO – Picchiata e violentata in un cantiere da un extracomunitario, dopo il suo rifiuto alle avances dello straniero. E’ la drammatica aggressione subita da una donna di 29 anni di Martinsicuro, nella tarda serata di ieri. Le indagini condotte con estrema rapidità dei carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Alba Adriatica, diretti dal capitano Pompeo Quagliozzi (a sinistra nella foto), ha permesso di individuare l’aggressore e arrestarlo. Si tratta di un moldavo di 45 anni, Alexandru Ciochina, clandestino in Italia, adesso rinchiuso nel carcere di Castrogno con la contestazione di violenza sessuale. La donna è stata avvicinata lungo viale Franchi, a Villa Rosa di Martinsicuro, mentre si recava ad un appuntamento con alcuni amici. Il moldavo l’ha molestata ma lei ha respinto le sue avances, cercando di guadagnare strada, accelerando il passo. L’uomo l’ha però afferrata e picchiata, trascinandola nei pressi di una vicina scuola materna e l’ha costretta e scavalcare il recinto di un cantiere edile. Qui, l’ha spogliata e violentata, prima di fuggire. La donna, nonostante fosse sotto choc, è riuscita ad avvertire con il telefonino gli amici che l’aspettavano e i carabinieri, dando una descrizione precisa del suo aggressore. E’ stato grazie a questi dettagli, soprattutto ai particolari sull’abbigliamento, che i militari sono riusciti a individuare l’uomo che subito dopo la violenza, era tornato nel suo appartamento a poca distanza dal luogo dell’aggressione. Al momento dell’irruzione degli uomini dell’Arma nella casa, al primo piano di una struttura a schiera, il moldavo ha cercato di disfarsi della maglietta che indossava, forse per evitare di essere indicato come l’autore dello stupro, ma inutilmente. La 29enne è stata accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale di Sant’Omero dove i sanitari hanno rilevato numerose ecchimosi sulle gambe e ai genitali, oltre ai segni di violenza sessuale. E’ stata assistita dagli psicologi e dimessa con una prognosi di una settimana.

Leave a Comment