Rissa in pieno centro tra albanesi: quattro arresti

TERAMO – E’ successo davanti a gente terrorizzata, alle porte della città, trasformata in un ring: quattro albanesi, questa mattina, se le sono date di santa ragione, senza preoccuparsi di impugnare armi di una pericolosità tale da far sfociare la scazzottata in dramma. A sedare la violenta lite, avvertiti da alcuni testimoni spaventati, sono stati gli agenti della squadra volante della questura di Teramo. Teatro della rissa via del Vecchio Mattatoio, a pochi passi da via Oberdan. Quando i poliziotti sono arrivati hanno trovato un albanese di 42 anni, fermo a terra, con vistose ferite al volto e su altre parti del corpo. Vicino a lui un connazionale, un 52enne, che alla vista degli agenti ha cominciato ad inveire contro di loro, in evidente stato di agitazione. Per i poliziotti non è stato facile individuare anche un terzo partecipante alla rissa, un 25enne, che stava cercando di fuggire dopo aver abbandonato a terra alcuni oggetti atti a offendere. La breve indagine condotta ascoltando le testimonianze ha permesso di individuare un quarto albanese (un 19enne), che nel frattempo si era rifiugiato nella casa dove vive, a poca distanza dal luogo della rissa. I quattro sono stati arrestati per concorso in rissa aggravata dai futili motivi: gli uomini della volante hanno sequestrato anche una piccozza da muratore con la parte in ferro di 25 centimetri, un cacciavite con punta di 18 centimetri e una mazzetta con manico in legno.

Leave a Comment