Cartoniadi 2008: tocca a Giulianova e Roseto

L’AQUILA – Le Cartoniadi l’anno scorso le vinse Teramo, superando e sconfiggendo L’Aquila, Chieti e Pescara. Quest’anno sono chiamati a rappresentare la provincia di Teramo, nella gara a chi raccoglie più carta e cartone, Giulianova e Roseto. Infatti, ci informa REGFLASH, sono nove i comuni abruzzesi che dal 1 al 31 maggio prossimo pereciperanno alle Cartoniadi, le olimpiadi della raccolta differenziata di carta e cartone. L’edizione 2008 della gara è stata presentata questa mattina, in una conferenza stampa, presieduta dall’assessore all’Ambiente, Franco Caramanico, e alla presenza del Dirigente del Servizio Rifiuti, Franco Gerardini e dei rappresentanti del Comieco (Consorzio Nazionale per il recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica). Avezzano, Francavilla al Mare, Giulianova, Lanciano, Ortona, Roseto degli Abruzzi, Sulmona e Vasto, questi sono i comuni chiamati a misurarsi ed a raccogliere quanti più carta e cartone possibili. Dalle confezioni di pasta agli astucci dei dentifrici, ogni contenitore di cartone e cartoncino è valido. Senza dimenticare la carta grafica: riviste e quotidiani sono, infatti, altrettanto utili per conseguire la vittoria. "Durante la prima edizione delle Cartoniadi, che nel 2006 ha visto partecipare i quattro capoluoghi di provincia, la raccolta differenziata di carta e cartone nei comuni è raddoppiata – ha dichiarato, Carlo Montalbetti, direttore generale di Comieco – ci aspettiamo grandi risultati anche dai nove comuni che si daranno battaglia il prossimo maggio". "Abbiamo fatto la scelta di coinvolgere i comuni al di sopra dei 20 mila abitanti – ha spiegato l’assessore Caramanico – perchè in queste realtà vi è la più alta percentuale di rifiuti, ma anche la più bassa attività di raccolta differenziata. Al di là del concorso, il nostro obiettivo è quello che le buone pratiche che si svilupperanno in questo periodo possano essere poi portate avanti per l’intero anno. Colgo l’occasione, poi – ha aggiunto l’Assessore – per annunciare la presentazione del primo programma della raccolta differenziata. Si tratta di tre progetti, rivolti rispettivamente ai comuni medio-grandi con più di 20 mila abitanti, a quelli tra 3 mila e 20 mila abitanti e ai piccoli comuni con un numero inferiore ai 3 mila abitanti. Il Programma è sostenuto – ha detto Caramanico – da 3.100.000,00 con fondi del Piano Triennale 2006-2008, con una media di co-finanziamento per circa sei euro per abitante". L’incremento delle quantità raccolte e riciclate porterà immediati premi in denaro: al comune primo classificato la Regione Abruzzo metterà a disposizione 20.000 euro per un progetto di riqualificazione del territorio deciso dai cittadini stessi; 5.000 euro sono invece destinati al 2° classificato; per il 3° Comieco metterà in scena lo spettacolo teatrale "Una scelta di vita", dedicato alle scuole cittadine; il 4° potrà organizzare una visita in cartiera per 100 ragazzi; il 5° verrà dotato di 300 salvacarta da scrivania, messi in palio da Comieco. Alla griglia di partenza, i partecipanti alle Cartoniadi Abruzzo 2008 registrano i seguenti dati di raccolta pro capite: Avezzano 21,39 Kg, Francavilla al Mare 35,82 Kg, Giulianova 34,93 Kg, Lanciano 30,49 Kg, Montesilvano 36,63 Kg, Ortona 43,18 Kg, Roseto degli Abruzzi 25,36 Kg, Sulmona 35,94 Kg e Vasto 19,11 Kg. "Stiamo cercando di operare una svolta culturale ed operativa – ha commentato Franco Gerardini – nella nostra Regione, che poniamo in prima linea sul fronte dei rifiuti e della raccolta differenziata. E’ in questo senso che rivolgiamo un appello a tutti i rappresentanti della società attiva affinchè diano un contributo per la realizzazione degli obiettivi. Quanto alle Cartoniadi, spendo un elogio nei confronti di Comieco per l’attività che sta svolgendo egregiamente. Quella di quest’anno è un’esperienza unica in Italia – ha tenuto a precisare Gerardini – perchè dopo i risultati della passata edizione, in cui fu Comieco a coinvolgere le regioni, quest’anno è stato l’Abruzzo a proporre al Consorzio il bando di una nuova gara".

Leave a Comment