Confcooperative attiva il Forum

TERAMO – 135 imprese cooperative associate, oltre 200 milioni di euro di fatturato (al 31 dicembre 2006), oltre 2.000 lavoratori stabili di cui 1/3 soci delle imprese cooperative, Istituti di Credito cooperativo con 24 sportelli e 9.344 soci 6.500 soci all’interno del sistema delle cooperative di garanzia. Sono i numeri di Confcooperative provinciale, che stamani h avanzato la proposta di istituire con le parti sociali il “Forum per lo sviluppo della cooperazione”, con l’obiettivo di  coordinare e promuovere azioni concrete per lo sviluppo del sistema della cooperazione in raccordo con il governo del territorio. E’ stata questa la proposta avanzata da Confcooperative Teramo alle istituzioni  e alle parti sociali, intervenute alla prima convention provinciale del sistema, sul tema “Il Valore dell’Appartenenza”, che si è svolta questa mattina a Teramo. Il “Forum per lo sviluppo della cooperazione”, le cui prime riunioni dovrebbero svolgersi entro la fine di maggio, la fine di giugno e agli inizi di ottobre, costituirà una sorta di cabina di regia della cooperazione, nella quale analizzare e discutere le problematiche del settore, per elaborare un progetto strategico per lo sviluppo della cooperazione. Il progetto dovrà essere redatto entro la fine di ottobre, periodo nel quale sarà presentato con una iniziativa pubblica. “Il sistema della cooperazione costituisce nella provincia di Teramo un modello imprenditoriale sostenibile” – ha affermato nella sua relazione introduttiva il presidente provinciale di Confcooperative Giampiero Ledda – “la cui forza risiede nella centralità del socio, nel generare sviluppo per il territorio  e nel valore strategico della risorsa umana. Questo modello, però, deve essere sostenuto dai nostri interlocutori, in primis proprio dalle istituzioni, alle quali abbiamo chiesto un impegno solenne con l’attivazione del Forum perché alla cooperazione sia attribuito un ruolo importante nel governo e nello sviluppo della provincia di Teramo”.

Leave a Comment