UDC: precisazioni sul "caso Marziale "

TERAMO – Il segretario provinciale dell’UDC, Lino Silvino, attraverso una nota, ha inteso esprimere alcune precisazioni in relazione alle elezioni amministrative di Alba Adriatica puntualizzando la posizione di neutralità assunta in campagna elettorale. "La direzione provinciale dell’UDC aveva stabilito, infatti, che per Alba Adriatica non avrebbe dato indicazioni di voto, lasciando gli elettori liberi di votare chiunque avessero voluto. La puntualizzazione – si legge nella nota – si rende necessaria a seguito della vicenda che ha visto il segretario della sezione locale, Pierluigi Marziale, appoggiare la Lista civica di centro sinistra "Alba Democratica" e successivamente essere chiamato in giunta dal neo sindaco Franchino Giovannelli. La posizione del dirigente dell’UDC – continua il comunicato – è stata assunta autonomamente e a nome del movimento "Forza delle idee" che non ha alcun riferimento con il partito di Casini. La nomina ad assesore di Marziale e il risultato elettorale complessivo hanno indotto, poi, la direzione provinciale a valutare in maniera approfondita la situazione politica generale e a commissariare, nella seduta del 23 aprile scorso, la sezione di Alba Adriatica affidandola ad Antonio Fabri, sindaco di Penna Sant’Andrea, fino alla conclusione del tesseramento a cui seguirà il nuovo Congresso"

 

Leave a Comment