Asl di Teramo: allergie monitorate. Ne soffrono in 3 su 10

TERAMO – “L’Allergia si Vince” è lo slogan coniato per la Giornata nazionale delle allergie promossa dalla Federazione delle Società Allergologiche (AAITO, SIAIC E SIICA) che si terrà sabato 17 maggio 2008. Per la ASL di Teramo parteciperanno all’iniziativa di sensibilizzazione e informazione accogliendo i cittadini dalle ore 9.30 alle ore 12.30 il Reparto di Allergologia e Immunologia Clinica dell’Ospedale di Teramo (5° piano 1° Lotto), diretto dalla Prof.ssa Lia Ginaldi dell’Università degli Studi de L’Aquila e il Servizio di Allergologia dell’Ospedale di Atri, con il Dott. Marco Cervone Coordinatore Interregionale AAITO Abruzzo-Molise. Gli specialisti allergologi forniranno materiale informativo e consulenze specialistiche. Di qualsiasi allergia si tratti, gli esperti spiegheranno i percorsi preventivi e i protocolli diagnostici e terapeutici che possono essere applicati nelle varie manifestazioni delle malattie allergiche. In particolare verrà distribuito un questionario “Scopri se sei allergico” grazie al quale ognuno potrà verificare la propria predisposizione alle malattie allergiche. In questa maniera l’iniziativa dell’Allergy Day avrà anche lo scopo di monitorare statisticamente l’andamento di talune forme allergiche con interviste dirette e riservate a campioni di popolazione in tutta Italia.

Nel comunicato la Asl di Teramo offre anche alcuni dati e indicazioni sulle allergie. Eccoli.
"Le allergie rappresentano la vera epidemia del terzo millennio e il fenomeno appare sempre più preoccupante dato il progressivo aumento in tutto il mondo del numero di pazienti allergici. In particolare, in Italia, tre persone su dieci soffrono di queste malattie. Il 50% degli italiani, inoltre, riferisce di aver avuto almeno un volta nella vita un disturbo di origine allergica. Le allergie sono comuni a tutte le età, peggiorano la qualità di vita di chi ne è affetto ed hanno rilevanti costi sociali. Le più diffuse sono quelle dovute ai pollini, seguite dalle allergie alimentari, da quelle ai farmaci e dalle allergie dovute al veleno degli imenotteri (api, vespe e calabroni). Per difendersi dalle manifestazioni allergiche esistono terapie efficaci in grado di controllare i sintomi in modo da garantire una vita normale. In Italia sono state attivate alcune misure di prevenzione come il Bollettino di Previsione Pollinica che informa i pazienti allergici ai pollini e dà loro la possibilità di mettere in atto tempestive misure preventive. Inoltre i vaccini per le allergie consentono non solo una riduzione dei sintomi ma anche la possibilità di interferire sull’evoluzione delle malattie allergiche dell’apparato respiratorio. Anche nel caso delle allergie più gravi come quelle da veleno d’insetti, nella grandissima maggioranza dei casi, si ottiene un effetto protettivo con i vaccini. Inoltre essere allergici ai farmaci non vuol dire evitare ogni tipo di terapia, ma scegliere, insieme al proprio allergologo, i medicinali da usare. Le allergie, se trattate correttamente, consentono a tutti di svolgere una regolare attività sportiva. Atleti allergici hanno partecipato e vinto alle Olimpiadi".

Leave a Comment