Fucili fritti e rifiuti riciclati

TERAMO – Saranno presentati mercoledì 4 giugno, nella sala polifunzionale della Provincia di Teramo, alle 10,20, i risultati del laboratorio di scrittura sui temi dei rifiuti e del riciclo che due anni fa, sotto la guida di Guendalina di Sabatino, l’allora classe quarta A della scuola elementare San Giuseppe ha svolto. I frutti dell’esperienza svolta con i bambini sono stati raccolti in un libro, informa una nota dell’ufficio stampa della Provincia, dal titolo “Fucili fritti” (espressione che si ottiene anagrammando “rifiuti riciclati”) pubblicato dall’Assessorato all’Ambiente della Provincia. Partendo dai nomi e dai prodotti delle marche che utilizziamo quotidianamente, gli alunni hanno approfondito (attraverso giochi di parole, filastrocche e slogan) il ciclo di vita dei beni di consumo, dalla produzione alla distribuzione e alla vendita e quindi alla produzione dei rifiuti. Rifiuti che, successivamente, possono essere recuperati attraverso la raccolta differenziata e il riciclo. Il libro contiene una presentazione della scrittrice Edith Bruck e una serie di illustrazioni di Miriam De Berardis. “Dai giochi di parole – racconta la coordinatrice del laboratorio e autrice del libro, Guendalina Di Sabatino – sono nati testi divertenti e ironici. Abbiamo inventato onomatopee e neologismi, scritto slogan e composto poesie del non senso. Insieme ai bambini è stato bello poter affrontare in maniera consapevole il problema dei rifiuti partendo dai termini presenti nel linguaggio quotidiano della pubblicità me dei prodotti che consumiamo”. “È necessaria – scrive nella presentazione al libro l’assessore all’Ambiente Antonio Assogna – una mutazione culturale nei confronti dei rifiuti, che debbono diventare una risorsa e non un costo come accade oggi. È un modo inconsueto ed efficace, quello dei giochi di parole, per trattare il tema sempre più urgente della raccolta differenziata dei rifiuti”. Alla presentazione, mercoledì, interverrà per leggere e interpretare alcuni testi l’attrice Serena Mattace Raso. L’apertura sarà affidata alla “Riciclorchestra”, il coro dei bambini della San Giuseppe che canterà mimando l’accompagnamento dei brani con strumenti costruiti con prodotti riciclati.

Leave a Comment