Un museo della Resistenza a Torricella

TERAMO – Un museo storico della Resistenza teramana. E’ quello presentato stamattina, che nascerà dal protocollo d’intesa tra Provincia, Comune di Torricella e Fondazione Celommi Onlus. La sede è individuata nella Villa Capuani Celommi, quella che fu la residenza dell’eroe della Resistenza teramana, Mario Capuani, a Torricella. La gestione del museo sarà legata alla Fondazione e avverrà atraverso il reperimento di fondi, il restauro delle collezioni esistenti, nuovi reperti e incontri di studio e di rievocazione. La nascita del museo assume una forte caratterizzazione per la città di Teramo, la prima a insorgere in forma organizzata contro il nazifascismo dopo l’armistizio del ’43 e le battaglie dei partigiani, memorabile quella di Bosco Martese, animarono tutta la Resistenza italiana. Per questomotivo il 15 settembre 2005, a quasi 62 anni di distanza da quell’epocale passaggio storico teramano e nazionale, la Provincia di Teramo è stata insignita della Medaglia d’oro per meriti civili dal presidente della Repubblica, Azeglio Ciampi. Nell’ambito delle iniziative in memoria della Resistenza teramana, il presidente della Provincia, Ernino D’Agostino e il presidente del consiglio, Ugo Nori, domattina (ore 9), nella sala consiliare, consegneranno una targa ai familiari degli otto teramani (Bruno Chiavone, Antonio Cipro, Antonio Di Bernardo, Mauro D’Intino, Carlo Durante, Luigi Marcozzi, Amedeo Parabella, Aldo Quarchioni) che furono fucilati per mano nazista il 13 giugno 1944, nei pressi della caserma Rossi, a Teramo. Subito dopo, intorno alle 10, in piazza Orsini, si svolgerà una cerimonia commemorativa della Liberazione, avvenuta a Teramo il 14 giugno 1944. Il Presidente D’Agostino deporrà una corona d’alloro sotto la lapide che ricorda il sacrificio dei caduti.

 

Leave a Comment