Teramo, adesso siamo all’appello pubblico

TERAMO – Prima Paoloni, poi Polverino, infine ancora Malavolta. Il Teramo sta vivendo il peggior periodo della sua storia e rischia di finire peggio, travolto da un teatrino senza fine. Perchè se appena sabato il colpo di scena aveva riportato in sella Romy Malavolta come amministratore unico, che attraverso il suo amministratore Giuseppe Tedeschi aveva anche affermato di garantire l’iscrizione, oggi tutto sembra essere tornato daccapo. Perchè con la  prima uscita ufficiale pubblica, l’immobiliarista Aldo Di Francesco (nella foto), fino a oggi tessitore di vari tentativi di cordate, lancia la sottoscrizione pubblica. Nasce infatti il Comitato "Amici del Teramo Calcio", ce dovrebbe raccogliere fondi in soccorso della società biancorossa. «Chiunque volesse potrà acquisire ulteriori informazioni recandosi presso la sede centrale della Banca di Teramo, in viale Crucioli. Il fine è riuscire ad iscrivere la squadra biancorossa al prossimo campionato professionistico di Serie C2, futura Seconda Divisione.L’iniziativa che promuovo – ha scritto Di Francesco – tende a coinvolgere l’intera cittadinanza ma anche e soprattutto gli imprenditori teramani che volessero sostenere concretamente la causa biancorossa». Nella giornata sarà anche reso noto il numero di conto corrente bancario su cui sarà possibile far confluire i contributi. L’iniziativa, oltre che essere l’ennesima scialuppa di salvataggio nei confronti di Malavolta, adesso servirà sulla carta anche a “contare" effettivamente chi ha a cuore le sorti della squadra di calcio, destinata a scivolare verso il baratro della scomparsa.

Leave a Comment