Traffico: sensi unici "fluidificanti"

TERAMO – "Non è assolutamente una ingerenza politica ma un’ipotesi progettuale sul traffico che abbiamo voluto sottoporre all’assessore Berardo Rabbuffo di cui apprezziamo il lavoro di grande responsabilità amministrativa". E’ la precisazione di un altro assessore, quello alla Cultura (ma sempre del Comune di Teramo) Mauro Di Dalmazio, della lista civica al Centro con Chiodi, nel corso della conferenza stampa convocata per la presentazione di alcune ipotesi di viabilità che il coordinatore comunale della lista, Roberto Canzio, ha illustrato all’assessore al Traffico e che consistono in una serie di interventi volti alla fluidificazione del traffico. Tra le ipotesi avanzate, la Lista civica ha indicato un percorso circolare che congiunge la città attraverso un anello che prevede la possibilità di sensi unici di percorrenza di via Po e Viale Crispi. Le indicazioni date prevedono interventi gerarchici che vanno dalla viabilità principale a quella secondaria e di quartiere che andrebbe a sostenere i collegamenti tra le arterie cittadine su cui si lavorerebbe per eliminare intersezioni e semafori che "ingolfano" lo scorrimento del traffico cittadino. Il piano è stato elaborato assecondando gli inteventi già previsti dal piano traffico come le rotonde collocate alla fine di Via Flaiani, a Madonna delle Grazie, a Cartecchio e una al Lotto 0 la cui apertura, prevista a dicembre, dovrebbe creare un flusso di traffico diretto verso Corso Porta Romana. Sostanzialmente, il concetto su cui si basa il progetto è quello di diluire il traffico, allungando i percorsi ma consentendo un transito continuo senza la formazione di code. Le ipotesi sono state giudicate interessanti dall’assessore Rabbuffo, poichè non contengono interventi strutturali di difficile attuazione ma rovesciano solo la viabilità assecondando interventi uranistici già previsti e finanziati. "Apprezzo le proposte elaborate dalla Lista Civica – ha dichiarato l’assessore al Traffico e vice-sindaco Berardo Rabbuffo – e apprezzo soprattutto che mi vengano sottoposti progetti illustrati sulla carta. Le polemiche sollevate senza la stesura di proposte alternative restano confinate nella sterile opposizione. L’elaborato che mi ha consegnato la Lista Civica sicuramente dovrà essere valutato dai tecnici per verificarne la fattibilità, ma ha tutti i presupposti per essere valutato in Commissione".

Leave a Comment