Dal 4 agosto pesca ferma in Adriatico

GIULIANOVA – La Commissione consultiva centrale riunitasi oggi a Roma e a cui hanno preso
parte anche i funzionari ed esperti del ministero di Agricoltura e Pesca, le associazioni di categoria ed i rappresentanti delle regioni, ha stabilito che dal 4 agosto al 2 settembre si terrà
il fermo pesca d’emergenza. Lo stop fa riferimento alla fascia di costa che da Trieste va a Bari. Nel provvedimento sono stati confermati i 30 giorni continuativi ed obbligatori di fermo, mentre è stata semplificata la compensazione per le imprese di pesca che non sarà calcolata sul 20% del mancato ricavo, rispetto al triennio precedente, ma sarà commisurata ad una precisa tabella già esistente nel regolamento Sfop (Strumento finanziario operativo per la pesca) basato sulla grandezza dei pescherecci. Il Ministro, inoltre, ha assicurato la costituzione di una "task-force" permanente dal mese di settembre per monitorare l’evoluzione del "caro gasolio". "Siamo favorevoli a quanto deciso dalla CommissIone consultiva – ha dichiarato il responsabile regionale dell’Agci Agrital, Agostino De Fenza – perché questa decisione esprime una semplificazione ed un miglioramento del testo precedente e va incontro alle esigenze delle cooperative del settore".

Leave a Comment