Atti regionali potrebbero essere illegittimi e nulli

PESCARA – (Regflash) – "Certi atti della giunta regionale potrebbero risultare illegittimi e come tali non avere alcuna efficacia, anzi produrre danni". A esprimere la propria preoccupazione è il Capogruppo di AN, Alfredo Castiglione: "Al riguardo ho raccolto l’imbarazzo crescente di alcuni dirigenti regionali nel dover apporre la propria firma ad atti che non hanno nulla dell’ordinaria amministrazione: nomine commissariali e dirigenziali, assegnazione di deleghe ai pochi assessori sopravvissuti al disastro. Paolini – continua il capogruppo di An – adesso vorrebbe fare in poche settimane quello che non sono stati in grado di fare in anni e anni a causa della loro esasperata ed esasperante litigiosita. L’ultimo esempio è di ieri, quando in Commissione Bilancio hanno cercato di emendare il miniomnibus, una variazione di bilancio riferita ad aprile che ha impiegato più di quattro mesi per arrivare in commissione, un atto che nasce già vecchio e superato dalle nuove esigenze della Regione. In realtà – accusa l’esponente di An – dietro ogni atto si nascondono cambiali elettorali e il disperato tentativo di rinsaldare un consenso clientelare per cercare di fare diga alla voglia di cambiamento degli abruzzesi non assistiti da questo centrosinistra, ovvero della stragrande maggioranza del popolo abruzzese che vorrebbe già a casa i vecchi funzionari di partito che hanno dimostrato tutta la loro inadeguatezza. Su un unico punto siamo disponibili a dare una mano – conclude Castiglione – sulla difesa dei fondi Fas, ma solo perchè una volta ottenuti sarebbe la nuova amministrazione regionale a spenderli e siamo sicuri che gli elettori sapranno a chi affidare queste come altre risorse". 

Leave a Comment