Lsu Val Vibrata: appello a Letta per la stabilizzazione

VAL VIBRATA – Ringrazia il Presidente della Provincia di Teramo Ernino D’Agostino e l’Assessore al Lavoro Francesco Zoila, in merito agli accordi mantenuti – risalenti al tavolo operativo di lunedì 27 ottobre – finalizzati alla risoluzione della annosa querelle riguardante gli LSU (lavoratori socialmente utili) della Val Vibrata e lancia un ulteriore appello. E’ il Presidente dell’Associazione “Dalla parte giusta”, Settimio Ferranti, che chiede un accordo interistituzionale tra i Governi Nazionale, Regionale d’Abruzzo egli enti locali del teramano nel  "il rispetto dei patti relativi alla stabilizzazione degli ultimi LSU in Val Vibrata. Ferrante si rivolge anche ai dirigenti e ai componenti della Giunta e del Consiglio Regionale d’Abruzzo uscente, ai candidati ed aspiranti presidenti alle prossime ed imminenti elezioni regionali d’Abruzzo, e a tutti i Parlamentari abruzzesi di Camera, di Senato e di Governo, al Sottosegretario di Stato Gianni Letta, ai Ministri competenti ed ai componenti della Direzione Generale degli Ammortizzatori Sociali ed Incentivi all’Occupazione. «Da tempo – continua  Ferranti – stiamo combattendo questa battaglia di civiltà volta ad ottenere i giusti fondi, nonché norme e servizi essenziali, in modo da poter concludere definitivamente il percorso di stabilizzazione rivolto agli ultimi LSU e svantaggiati rimasti nel nostro comprensorio garantendo loro una continuità del reddito/salario ed un’esistenza dignitosa, soprattutto in questo momento così difficile dal punto di vista finanziario che preannuncia scenari di forte recessione.» Settimio Ferranti avverte anche che "se questa incresciosa situazione non verrà risolta quanto prima rischia seriamente di precipitare in modo irreversibile paventando un dramma sociale assai doloroso e non più recuperabile".

Leave a Comment