"Soldi pubblici ad uso privato": la replica di Brucchi

TERAMO – L’accusa lanciata da Maurizio Verna, ex consigliere comunale del PD, sull’installazione di pali di illuminazione pubblica su una strada privata a San Nicolò a Tordino, trova la replica di Maurizio Brucchi, ex assessore ai lavori pubblici del Comune di Teramo. Secondo il consigliere del PD, l’amministrazione Chiodi, avrebbe speso dunque soldi pubblici per una strada, in località Fiunicino, che non risulterebbe appartenere al patrimonio pubblico. Non è dello stesso avviso Maurizio Brucchi che, in una nota, ha dichiarato che il tracciato in questione, risulterebbe nelle cartografie degli anni ’80 “strada di collegamento tra Villa Pompetti e Frazione Fiumicino”, la quale sarebbe da più di 20 anni di uso pubblico, poiché gestita a tutti gli effetti dal Comune, attrezzata e servita anche per la raccolta rifiuti.  In merito ai presunti interessi immobiliari che Verna avrebbe imputato nella zona ad un membro della precedente amministrazione, Brucchi ha infine replicato  che “per legge il rilascio di una concessione edilizia (nel caso specifico quelle rilasciate in quella zona) deve essere conseguente all’esistenza  di opere di urbanizzazioni primarie connesse, come la strada – si legge nella nota – Spetta poi all’amministrazione comunale provvedere, nei  modo e tempi ritenuti opportuni,  a richiedere la trascrizione della proprietà anche senza indennizzo, competenza che sarebbe appannaggio dell’assessorato all’urbanistica".

Leave a Comment