Milioni di dollari per "compensazioni ambientali"

TERAMO – Per quanto riguarda il sottofondo marino, le royalties (compensazioni ambientali ) sulla produzione, molto contenute in rapporto a quelle previste in altri Paesi, sono pari in Italia, ci comunica “Impronte” con  “Natura verde” al solo 4% del valore della produzione e non si applicano alle prime 50.000 tonnellate di greggio estratto. Premesso ciò, ecco il nodo della questione sollevata. il punto della situazione su Rospo Mare, giacimento posto nel mare territoriale a poche miglia dalla costa a cavallo tra l’Abruzzo ed il Molise e già protagonista, nell’agosto del 2005, dello sversamento in mare di qualche centinaio di litri di petrolio.
Secondo dati ufficiali dell’Ufficio Nazionale Minerario per gli Idrocarburi e la Geotermia, dal 1982 al 2008 da Rospo Mare sono state estratte 3.773.314 tonnellate di greggio.
Nel solo 2008 le tonnellate estratte sono state oltre 270.000, equivalenti a 2.662.412 barili.
Fatti due calcoli, si stima che per il 2008 la parte delle royalties spettanti alle Regioni costiere (Abruzzo e Molise) ammonterebbe, fissando prudenzialmente il costo medio del barile a 100 dollari Usa, a quasi 6.000.000 di dollari (oltre 4.400.000 €).
Seguendo lo stesso ragionamento, stimiamo in oltre 30.000.000 di dollari Usa l’ammontare delle compensazioni che nel periodo 1998-2008 il Concessionario avrebbe dovuto versare alle Regioni costiere interessate dalla concessione.
Le domande che pongono "Impronte" e "Natura verde" sono:
1) Le compensazioni ambientali previste sono state versate?
2) In caso affermativo, in che misura?
3) Come e in che percentuale sono state spese queste somme dalla Regione Abruzzo?
4) In che percentuale sono state impiegate per interventi in campo ambientale?
5) Quali interventi a tutela dell’ambiente sono stati finanziati?
6) E infine, perché parte di questi fondi non è stata utilizzata, ad esempio, per la realizzazione di un sistema monitoraggio chimico-fisico in continuo delle acque dell’Adriatico interessate dall’estrazione del petrolio?

Leave a Comment