Ruffini: interventi subito per erosione cosa e pericolo petrolio

TERAMO – Il consigliere regionale del PD Claudio Ruffini sostiene l’istituzione di un tavolo permanente per monitorare l’erosione nelle zone costiere dei comuni di Silvi e Pineto. “Condivido le preoccupazioni dei due Sindaci, ed invito l’Assessore regionale Di Paolo ad ascoltare la voce dei due amministratori”. L’erosione che sta insistendo nel tratto di litorale che va dalla zona nord di Pineto sino all’altezza della foce del torrente Piomba a sud di Silvi, come già espresso in una lettera a Chiodi dai sindaci, è, per buona parte, interessato da un fenomeno di erosione che al momento, se nessun intervento sarà posto in essere nel breve termine, potrebbe mettere in discussione lo svolgimento della stagione balneare. “Se non verranno presi dei provvedimenti immediati, si rischia di compromettere la stagione estiva delle località di Silvi e Pineto. Queste due città vivono di turismo e in un momento di grave crisi economica come l’attuale, pregiudicare l’inizio della stagione estiva, causerebbe un danno enorme a tutti gli operatori turistici locali”. Invitando quindi l’assessore regionale Di Paolo a raccogliere la proposta dei sindaci, il consigliere Ruffini aggiunge che  “del tavolo proposto, da convocare subito, dovranno necessariamente far parte gli stessi operatori turistici locali”. Ruffini ricorda inoltre che in Abruzzo (ed in particolare nelle località costiere) insiste il pericolo che la stagione estiva non abbia un inizio a causa della paventata trasformazione della regione in un distretto petrolifero. “L’allarme lanciato da Assoturismo-Confesercenti è giustificato e condivisibile. C’è un rischio concreto che alcuni segnali negativi sulle prenotazioni si trasformino in un disastro economico per l’economia turistica regionale ed in particolare teramana. Mi auguro che gli ignavi e disinteressati amministratori regionali dimostrino (per una volta) nei fatti e non nelle parole che tengono all’Abruzzo e alla sua economia”.

Leave a Comment