Pasqua. Tagli a regali ma non alla buona tavola

TERAMO_ Per Pasqua si taglia sui regali per amici e parenti, ma non si rinuncia alla buona tavola. E’ quanto ha elaborato Coldiretti su dati Swg/Confesercenti dove si evidenzia che piuttosto che ridurre l’acquisto di prodotti enogastronomici locali si preferisce tagliare nello shopping per regali (52%) , nei costi di pernottamento delle vacanze (37%), nelle spese di agenzia (29%) e nei costi dei viaggi (19%). Per quanto riguarda il consumo del piatto pasquale per eccellenza ossia l’agnello i prezzi riconosciuti agli allevatori italiani sono diminuiti di oltre il 10 per cento rispetto allo scorso anno e oscillano in questo momento tra i 3 e i 4 euro al chilo. Un altro dato interessante: un italiano su quattro sceglie di trascorrere le vacanze di Pasqua nel verde delle campagne o nei parchi e riserve naturali di cui l’Italia è particolarmente ricca. E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento ai dati divulgati secondo i quali per il ponte di Pasqua partiranno circa 22 milioni di italiani (+22% rispetto ai 18 milioni del 2008).

 

Leave a Comment