Migliaia di uova di cioccolato per i bambini del terremoto

TERAMO – Sarà Pasqua 27 ore prima che sia una settimana dalla tragedia, in Abruzzo. E all’Aquila nelle tendopoli, o negli alberghi della costa, sarà Pasqua comunque. I bambini sono in primissimo piano. Arrivate e in arrivo migliaia di uova di cioccolato da tutt’Abruzzo e da tutt’ Italia. Il più grande: da una ditta di Cremona, 7 quintali, accompagnato dai Vigili del fuoco, dalla polizia stradale e da altre 1000 uova con relativa sorpresa. Le uova più importanti: da Benedetto XVI, sono 600, le hanno portate gli uomini della Gendarmeria vaticana ed erano accompagnate da una “cifra importante” (la somma non si conosce) che il papa ha inviato al Vescovo dell’Aquila. Le uova più classiche: le 500 “solidali” dell’Ail della sezione di pesaro. E poi per i bambini i giocattoli. Anche questi dal Vaticano ma anche da decine e decine di aziende, organizzazioni e privati. Anche Liscianigiochi di Teramo ha mandato alle tendopoli passatempo che intrattengano e distraggano i piccoli sfollati. Iniziative e pranzi a iosa un po’ ovunque, in Abruzzo, dove sono i terremotati. Ai campi aquilani ci sono ben 19 cucine da campo impegnate in questo, negli alberghi è tutto pronto, mentre a Silvi si pranzerà tutti insieme nel palasport. A Pineto si gesteggerà a Pasquetta: lunedì distribuzione di uova e colombe e luna park gratuito. A Roseto per i bambini 90 artisti di strada provenienti da tutt’Italia e professionisti di clown terapia domani. Sempre domani e sempre a Roseto, il Vescovo di Teramo e Atri celebrerà una messa: il Comune mette a disposizione i mezzi di trasporto gratuiti perchè gli aquilani ospiti della costa possano partecipare alla funzione.

Leave a Comment